Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, presentato il candidato sindaco Marcello Carli: “Noi siamo i moderati”

sabato, 4 luglio 2020

Trento – Presentazione ufficiale del candidato sindaco di Trento della coalizione a indirizzo ‘centrista’: Marcello Carli, 51 anni, laureato in Economia Politica presso l’Università di Trento, imprenditore, ha illustrato i motivi che l’hanno spinto a scendere in campo alle prossime elezioni comunali.

Marcello Carli - Trento“A Trento, città moderata, manca un punto di riferimento di centro e oggi con questa coalizione gli elettori avranno un’opzione importante – è stato il commento di Marcello Carli -. A sinistra troviamo Ianeselli che viene da un sindacato parecchio estremista e la sua coalizione è poi la fedele riproduzione di quella che ha ingessato la città per oltre 25 anni, cioè il tempo di una generazione. Oltretutto Trento di certo non avrebbe bisogno che a guidarla sia un sindacalista massimalista come lui. Dall’altra parte, a destra, c’è Baracetti che mi pare evidentemente poco addentro alle tematiche concrete ed inoltre troppo nervoso, forse anche perché logorato dal difficilissimo rapporto con la sua coalizione. Ed una coalizione così litigiosa ed incerta davvero farebbe fatica, molta fatica, a guidare una città ferita com’è la Trento di oggi”.

Alla presentazione ufficiale nei giardini di piazza Venezia a Trento, sotto lo sguardo del monumento dedicato ad Alcide De Gasperi erano presenti, oltre al candidato sindaco Marcello Carli, i leader e gli esponenti dei partiti della coalizione, Agire per il Trentino, Dc e Rinascimento Trento. ”La vera coalizione che nulla c’entra con l’attuale destra e l’attuale sinistra – ha ribadito il candidato sindaco Carli -. Il posto giusto del “famoso” moderato, la collocazione politica “naturale” del nostro territorio: se Baracetti è la chiara espressione della destra e Ianeselli della sinistra, Marcello Carli è l’espressione della terza via, che da molto tempo mancava”.

“Sono sostenuto da tre liste – ha sottolineato Carli – e determinato a cambiare tutto per tentare di dare a Trento il futuro prestigioso che merita. Negli ultimi vent’anni la città è stata governata in modo mortificante e incolore; anzi più che governata è stata solamente amministrata. Solo noi che Trento la conosciamo bene ed abbiamo una coalizione con valori ed obiettivi condivisi abbiamo la possibilità di cambiarla davvero, mettendo anzitutto al centro un valore fondamentale che negli anni si è gravemente trascurato: la competenza”.

Marcello Carli - candidato sindaco Trento

“Questa piazza, quando e se diventerò Sindaco – ha proseguito – si chiamerà piazza Alcide De Gasperi. Il monumento fu donato proprio dalla Democrazia Cristiana nel 1956. Trento è una città che deve fare tesoro della sua storia e nel contempo rimettersi in contatto con la terza dimensione del tempo, che è il futuro. Da 25 anni Trento è ferma. Abbiamo un lungo persorso pregresso di amministazione di centrosinistra che ha fatto un ampio disegno sul piano regolatore generale, ma che non è mai riuscita a passare dalle parole ai fatti. Anche la situazione di sicurezza della città è precaria”. Trento – ha concluso Marcello Carli – “deve tornare ad essere una città vivibile e a misura d’uomo”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136