Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento: pensioni ex dipendenti pubblici, ricalcolo automatico per chi ne ha diritto

giovedì, 6 febbraio 2020

Trento – Pensioni ex dipendenti pubblici, “ricalcolo automatico per chi ne ha diritto”. Ha diritto alla riliquidazione per vacanza contrattuale solo il personale che era in servizio tra il 2016 e il 2018. Sono moltissimi i pensionati e le pensionate, ex dipendenti pubblici, che in questi giorni si sono messi in contatto con lo Spi del Trentino per chiedere il ricalcolo della pensione e del TFS a seguito del rinnovo dei contratti collettivi 2016-2018.

“Per non alimentare inutili illusioni”, Spi insieme alle categorie che in Cgil seguono “i lavoratori degli enti pubblici statali e provinciali, Fp, e della scuola, Flc, chiariscono che il ricalcolo degli importi interessa solo il personale in servizio tra il 2016 e il 2018 che ha maturato il diritto di pensione e dunque è andato a riposo in quel preciso periodo, non i dipendenti pubblici andati in pensione prima. La notizia che, a seguito del rinnovo dei contratti collettivi del triennio 2016-2018 si possa chiedere e ottenere la riliquidazione del trattamento di quiescenza e del TFS/TFR esteso anche a tutto il personale cessato con diritto a pensione durante il periodo di vacanza contrattuale (ultimi 10 anni) dunque non è corretta. Allo stesso modo non è corretto affermare che le persone che vantano questo diritto hanno necessità di rivolgersi ad un patronato per la presentazione della domanda all’Inps”.

Nel dettaglio per quanto riguarda dipendenti pubblici delle amministrazioni statali e delle autonomie locali, che nella scorsa tornata contrattuale hanno dovuto attendere la firma del rinnovo fino al termine del triennio, i benefici economici risultanti dall’applicazione del contratto nazionale 12 febbraio 2018 (ARAN) e del Contratto provinciale 1 ottobre 2018 (APRAN) sono calcolati ai fini previdenziali alle scadenze e negli importi previsti. Ciò vale solo per il personale che era in servizio e ha maturato i requisiti per la pensione nel periodo di di vigenza del contratto, cioè dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

Agli effetti del TFS-TFR si considerano solo gli aumenti maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Spi Cgil Trento dice: “E’ importante ricordare inoltre che la riliquidazione, per i dipendenti delle autonomie locali, è calcolata direttamente dagli enti preposti: non occorre che gli interessati facciano alcuna domanda. Sia la pensione che il TFS/TFR saranno ricalcolati – per i dipendenti che abbiano maturato il diritto – in base agli aumenti contrattuali o all’indennità di vacanza contrattuale fissata dai rispettivi contratti e, comunque, fino al momento in cui risultavano in servizio”.

Per quanto riguarda invece i dipendenti pubblici del settore della scuola gli uffici provinciali ricalcolano a tutti, senza bisogno che gli interessati facciano domanda, sia la pensione sia il TFS/TFR in base agli aumenti contrattuali o all’indennità di vacanza contrattuale fissata dai rispettivi contratti di settore e, comunque, fino al momento in cui risultavano in servizio. Chi è andato in pensione prima del rinnovo contrattuale 2016-2018, ha avuto il calcolo della pensione e del TFS/TFR in base a quanto percepito, comprensivo dell’indennità di vacanza contrattuale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136