Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, linee guida provinciali sulla sicurezza post Covid-19: critiche dai sindacati

giovedì, 11 giugno 2020

Trento – Covid 19, aggiornate le linee guida provinciali sulla sicurezza: negli uffici amministrativi la distanza minima scende a due metri. Cgil Cisl Uil: “la Provincia sia coerente, non può stabilire criteri diversi per i propri dipendenti. La salute si tutela allo stesso modo per tutti i lavoratori”.

Il tavolo provinciale per la salute e la sicurezza ha aggiornato le Linee guida provinciali. La modifica più rilevante riguarda gli uffici amministrativi e le distanze minime tra persone all’interno dello stesso ufficio: si passa dai tre metri precedentemente previsti ai due metri. Sotto questa distanza scatta l’obbligo di mascherina o di divisori. Il documento stabilisce anche la centralità del lavoro agile per ridurre il rischio di contagio. Cgil Cisl Uil si sono astenuti sul documento finale, per l’assenza al tavolo di Inail, ma hanno anche messo a verbale la loro contrarietà alla riduzione della distanza minima.

“La tutela della sicurezza è un tema serio – spiegano i tre segretari provinciali Manuela Faggioni, Milena Sega e Alan Tancredi -. La scelta iniziale, condivisa da tutto il tavolo tecnico di lavoro, era stata di inserire i 3 metri, coerentemente alla circolare che la stessa Provincia aveva definito per il rientro in ufficio dei propri dipendenti. E’ assurdo che, senza alcuna coerenza, si decidano criteri diversi per chi lavora per Piazza Dante e per tutti gli altri. Così come deve essere chiaro che i criteri si possono e si devono aggiornare, ma sulla base dei dati epidemiologici, non per ragioni altre”.

La marcia indietro, secondo i sindacati, è maturata dopo le prese di posizione di molti datori di lavoro, pubblici e privati, che ritenevano eccessivi i tre metri di distanza che si riducevano a due con l’uso di mascherina o di distanziatori interpersonali. “Il tema in questo caso è la Provincia: non si può comportare in modo diverso quando veste i panni del datore di lavoro e quando siede al tavolo per definire le linee guida per tutti. I lavoratori si tutelano tutti allo stesso modo”, concludono Faggioni, Sega e Tancredi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136