Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, del bilancio consuntivo 2019 e assestamento del preventivo: i dati della Camera di Commercio

venerdì, 19 giugno 2020

Trento – La presentazione del Bilancio consuntivo 2019 e dell’Assestamento del preventivo economico per l’anno in corso è stata al centro della riunione del Consiglio camerale convocata per oggi, in parte da remoto e in parte in presenza presso la sede centrale della Camera di Commercio di Trento. Entrambi sono stati approvati all’unanimità.

AVANZO ECONOMICO DI OLTRE 720MILA EURO, STANZIATI 3 MILIONI PER LA RIPARTENZA DELLE IMPRESE

Alberto Olivo, segretario generale dell’Ente, ha illustrato nei dettagli i dati riferiti alla gestione dello scorso anno che, al 31 dicembre, ha comportato proventi di parte corrente per un totale accertato pari a 14.658.053,57 euro. Questi, sommati ai proventi finanziari di 180.111,21 euro e a quelli straordinari di 764.970,06 euro, raggiungono la cifra totale di 15.603.134,84 euro.

Gli oneri di parte corrente ammontano a 14.844.617,64 euro mentre quelli straordinari sono pari a 31.467,44 euro; il totale dei componenti negativi è quindi di 14.876.085,08 euro.

Il bilancio evidenzia dunque un avanzo economico pari a 727.049,76 euro, che il Consiglio camerale ha deliberato di destinare a incremento del patrimonio netto iniziale, consolidando così la struttura economica della Camera di Commercio.

giovanni bort okCi tengo a sottolineare – ha affermato Giovanni Bort, presidente della Camera di Commercio di Trento – che anche nel corso del 2019, l’Ente camerale ha rispettato pienamente gli obiettivi fissati dal Patto di stabilità nazionale. Si tratta di criteri che per l’anno in corso saranno ancora più stringenti, ma che non ci impediranno di garantire comunque tutti i servizi che, in questo momento di crisi senza precedenti, costituiscono un’importante, ulteriore risorsa per favorire la ripresa e la ripartenza dell’apparato economico-produttivo della nostra provincia”.

L’attenzione riservata dal Consiglio camerale alla soluzione delle forti criticità causate dall’emergenza sanitaria si è manifestata concretamente in occasione dell’esame dell’Assestamento del preventivo economico per il 2020. È stata infatti condivisa la proposta formulata dalla Giunta camerale di programmare un ulteriore intervento a favore degli imprenditori trentini che, a seguito dell’emergenza sanitaria, hanno subìto pesanti riflessi nella gestione delle proprie aziende. L’iniziativa di sostegno al mondo imprenditoriale prevede uno stanziamento di 3 milioni di euro destinati a potenziare in condivisione le misure adottate dalla Provincia autonoma.

Sotto il profilo contabile, l’aggiornamento del documento di programmazione economica, esaminato oggi, tiene conto delle risultanze del Bilancio dell’esercizio 2019, dei maggiori proventi accertati e dei provvedimenti di aggiornamento del budget direzionale disposti in corso d’anno.

Le variazioni per la gestione 2020 riguardano:

  • i proventi di parte corrente che passano da una previsione iniziale di 14.284.430 euro a una di 15.208.733 euro;
  • gli oneri di parte corrente che passano da una previsione iniziale di 14.406.930 euro a una di 15.827.584 euro;
  • i proventi finanziari che passano da una previsione iniziale di 122.500,00 euro a una di 222.500 euro mentre i proventi straordinari registrano un aumento di 199.778,00 euro legato al recupero di risorse proprie;
  • gli oneri che presentano variazioni nella parte straordinaria per un totale di 1.070 euro.

Con l’Assestamento del preventivo economico 2020 i proventi complessivi passano da 14.406.930,00 euro a 15.631.011,00 euro, mentre il complesso degli oneri passa da 14.406.930,00 euro a 15.828.654,00 euro. L’assestamento 2020 chiude con un disavanzo di 197.643,00 euro.

Per il prossimo triennio 2020-2022 l’incremento del 20% del diritto annuale, autorizzato dal Ministero dello sviluppo economico, garantirà le risorse necessarie al finanziamento dei tre progetti di sistema a valenza nazionale: Punto impresa digitale, Progetto formazione lavoro e Prevenzione crisi di impresa e supporto finanziario.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136