Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, Claudio Cia (Agire) avanza una proposta: regolamentiamo il trasporto merci

sabato, 24 agosto 2019

Trento – Il consigliere provinciale Claudio Cia (Agire per il Trentino) avanza una proposta: “La Provincia sia promotrice del quadro regolatorio necessario allo sviluppo di sistemi efficienti di distribuzione urbana delle merci con mezzi a basso impatto”.

In questi giorni si discute del progetto che potenzialmente potrebbe portare a una piccola “rivoluzione verde” nella fornitura delle merci nella città capoluogo, e che vede interessata Interbrennero spa, la società pubblica che gestisce l’area interportuale di Trento nord, nodo logistico di primaria importanza regionale, che garantisce l’accesso ai mercati dell’Europa centro-settentrionale, inserendosi nella rete ferroviaria europea identificata dal Corridoio Berlino-Palermo.

L’idea è quella di attivare anche a Trento una versione di “Cityporto”, il servizio di distribuzione urbana delle merci con mezzi a metano ed elettrici ideato dall’Interporto di Padova. Qui gli operatori consegnano le merci ad una piattaforma logistica, come l’interporto a ridosso della città, da dove partono i mezzi ecologici a basso impatto ambientale – a metano ed elettrici – per la distribuzione in centro: il cosiddetto “ultimo miglio” della catena del trasporto. L’idea di fondo è quella raggruppare le consegne dei diversi operatori del trasporto, per diminuire, a parità di merce consegnata, il traffico dei veicoli in circolazione. Un modello che consente una maggiore efficienza e la riduzione dei costi.

Se il progetto è fattibile, e può portare, oltre che vantaggi per la città, a una riduzione dei costi per le aziende, manca un passaggio obbligato. E’ indispensabile infatti che, attraverso una convenzione, vengano fissate alcune garanzie, come la possibilità di consegna H24 anche in zona Ztl, nonché la predisposizione di piazzole di scarico e la possibilità di eventuali corsie preferenziali, che rendano competitivo e appetibile per le aziende di spedizione tale modello.

Il consigliere di AGIRE per il Trentino, Claudio Cia, ha presentato sull’argomento una proposta di mozione, con la quale di chiede alla Giunta provinciale di impegnarsi ad elaborare una convenzione tra la Provincia di Trento, il Comune di Trento e gli Enti interessati (Trentino Trasporti, Trentino Mobilità, Camera di commercio e associazioni di categoria) che permetta di garantire il quadro regolatorio necessario allo sviluppo di sistemi ottimizzati di distribuzione urbana delle merci con mezzi a basso impatto ambientale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136