Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, Allitude completa la trasformazione industriale: i dati

giovedì, 9 luglio 2020

Trento - Allitude completa la “Fase 2” della trasformazione industriale integrando BSB e CESVE: 640 Collaboratori e 200 milioni di fatturato per guardare al futuro.

Manuele Margini - GdvLa società di servizi del Gruppo Cassa Centrale, Allitude, ha completato il processo di integrazione delle società informatiche del Gruppo incorporato Bologna Servizi Bancari S.r.l. (BSB) e CESVE S.p.A. Terminata la “Fase 2” del progetto, la società conta 640 dipendenti, 200 milioni di Euro di fatturato, 6 sedi operative in Italia e 160 clienti. Numeri che collocano Allitude tra gli outsurcer ai vertici del mercato per fatturato e offerta in ambito di Servizi ICT e Back Office. Questa integrazione incrementa ancora di più i numeri e i volumi di Allitude. La Società conta oggi 640 dipendenti suddivisi su 6 sedi operative in Italia (Trento, Cuneo, Padova, Bologna, Brescia e Bari). Offre prodotti e servizi ad oltre 160 Clienti dislocati su tutto il territorio nazionale e il fatturato previsionale 2020 ammonta a circa 200 milioni di Euro, collocando Allitude tra i soggetti di spicco nel mercato dei Servizi per la banking industry.

Siamo molto soddisfatti di questo risultato – afferma Carlo Vadagnini, Presidente di Allitude –, che con determinazione abbiamo completato nel rispetto dei tempi e degli obiettivi prefissati. L’incorporazione di BSB e di CESVE rappresenta il secondo, importantissimo traguardo del nostro Piano Industriale, ottenuto grazie all’impegno e alla passione delle colleghe e dei colleghi che, anche in un momento così difficile, in cui il Covid-19 ha di fatto bloccato il nostro Paese, hanno reso possibile il completamento della nostra squadra. Oggi possiamo guardare al futuro con fiducia, affrontando le sfide che ci attendono e pronti per competere al massimo livello di categoria, con la professionalità e la determinazione che ci contraddistinguono”.

Il processo di incorporazione di tutte le società di ICT e Back Office del Gruppo Cassa Centrale in Allitude, è stato seguito dagli Advisor di Price Waterhouse Cooper. Un percorso iniziato nel 2019 con l’obiettivo di semplificare la struttura di governance, sviluppare sinergie operative e creare poli specialistici, anche territoriali, a servizio dello sviluppo industriale del Gruppo e delle Banche. Principale fine del progetto, l’efficientamento delle attività offerte ai clienti.

“Rispetto ad altri operatori di mercato in ambito di servizi alla banking industry – commenta Manuele Margini, Amministratore Delegato di Allitude e Chief Operation Officer del Gruppo Cassa Centrale – abbiamo importanti elementi distintivi, che in parte spiegano il nostro successo: Allitude fa parte di un importante Gruppo Bancario Cooperativo e, quindi, sviluppa soluzioni solide ed evolute al servizio delle Banche del Gruppo, che possono essere proposte anche ad altre Banche Clienti, permettendo di fruire – a investimenti condivisi – delle soluzioni realizzate, pur conservando importanti presupposti di flessibilità e personalizzazione delle soluzioni.”

Nel prossimo futuro Allitude unificherà e ottimizzerà le infrastrutture target ICT e di servizio, continuerà ad innovare i servizi mettendo in campo le migliori tecnologie e le soluzioni di business in linea con i trend digitali e le necessità dei consumatori, valorizzerà in maniera integrata, la nuova “operation shared platform”, che consentirà la copertura end-to-end delle esigenze dei nostri clienti.

“In sintesi – conclude Manuele Margini – la nostra ambizione e la nostra vision permetteranno di attivare importanti sinergie industriali alle Banche, liberandole dall’onere operativo e gestionale del “back end” e dotandole, al contempo, della flessibilità, degli strumenti e dell’innovazione che consentano loro di perseguire e rimanere focalizzati sugli obiettivi di business e sulla relazione con la loro clientela. Per il raggiungimento di questi ambiziosi obiettivi nel Piano Industriale abbiamo previsto investimenti per oltre 100 milioni di euro nei prossimi 3 anni.”



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136