Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sondrio: prosegue la battaglia per l’autonomia del Morelli

martedì, 26 maggio 2020

Sondalo – Prosegue la campagna del Comitato in Difesa della Sanità di Montagna in particolare dell’ospedale Morelli di Sondalo (Sondrio). Negli ultimi due giorni si registrano gli interventi del dottor Giorgio Besozzi e di Renato Pedrini, ex sindaco di Bormio e della Comunità Montagna.

ospedale casa stanzeIl dottor Giorgio Besozzi, già direttore del reparto di malattie respiratore a Sondalo dal 2000 al 2009 ha illustrato la necessità di un’autonomia gestionale del Morelli. Secondo Besozzi “Il Morelli è una struttura a padiglioni facilmente isolabili gli uni dagli altri”. Infine ha invitato i cittadini che possono travolgere quei politicanti di cui parla Besozzi e quella brutta politica di sottobosco che tanto ha limitato la Valtellina.

Invece l’ex sindaco di Bormio ha chiesto a tutti gli amministratori del Tiranese ad abbracciare la causa. Secondo Pedrini l’unità d’azione dei sindaci porterà all’obiettivo dell’autonomia per il Morelli, in vista anche delle Olimpiadi del 2026. L’ospedale è importante da un punto di vista sanitario per l’Alta Valle e garantisce l’occupazione per oltre 800 persone.

La battaglia per salvare il Morelli prosegue e i sindaci dell’Alta Valtellina e della Comunità Montana hanno chiesto un incontro ai vertici di Regione Lombardia, ma finora la loro richiesta rimane nel cassetta.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136