Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Settimana della Moda Donna, Lombardia capitale internazionale di creatività: i dati

venerdì, 6 settembre 2019

Sondrio – E’ tutto pronto per la Settimana della Moda Donna, in programma a Milano dal 17 al 23 settembre. Un settore, quello della moda, che vede il capoluogo meneghino e la Lombardia primeggiare a livello nazionale: dai dati forniti dalla Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, tra produzione, commercio e design sono 33.283 le imprese attive in tutta la Lombardia, con 190.151 addetti ed un business di oltre 35 miliardi di euro all’anno. A fare la parte del leone, naturalmente, Milano, con 13.159 aziende e 92.155 addetti.

“I numeri confermano la centralità di Milano e della Lombardia nella moda e nel design a livello nazionale ed internazionale – sottolinea Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda -; la creatività trova il suo fulcro nella genialità e nel ‘saper fare artigiano’ di migliaia di designer, creatori, addetti ai lavori e stilisti che fanno grande la nostra Lombardia”.

magoniDopo Milano, in Lombardia ecco la provincia di Brescia, con 3.705 imprese del settore e 14.552 addetti. Sondrio può contare su 407 imprese, con 1.121 addetti. In questa graduatoria, Bergamo è terza con 3.254 imprese e 17.830 addetti. Poi ecco Varese (3.168 aziende con 15.125 addetti), Como (2.445 aziende con 15.113 addetti) e Monza e Brianza (2.299 imprese e 8.857 addetti). A seguire: Mantova (1.723 aziende con 13.112 impiegati nei settori coinvolti), Pavia (1.263 aziende, 5.180 addetti), Lecco (798 imprese, 3.726 addetti), Cremona (705 imprese, 2.389 addetti), Lodi (358 imprese, 991 impiegati).

“Sondrio e la sua provincia hanno tutte le potenzialità per crescere in settori in grado di creare valore e produrre ricchezza – aggiunge Lara Magoni -. La moda, con le sue produzioni, il commercio e l’attività di design, continua a dar vita a numerose opportunità occupazionali, con importanti prospettive per il futuro”.

Un settore, dunque, che rappresenta “la linfa vitale dell’economia italiana. Ecco perché per preservare tanta competenza e preparare le future generazioni e ormai non più rinviabile la nascita di un ‘Liceo del Made in Italy’, in grado di formare le giovani leve alla cultura della moda e del design, eccellenze che ci invidiano nel mondo”, conclude Lara Magoni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136