Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Salvini contro la gestione del Governo: “Siamo alla follia. Non chiudere ma guarire le persone”. E sugli over 70…

martedì, 3 novembre 2020

Roma – “Orari riservati a spesa e trasporto a Over 70, non chiudere in casa la gente ma guarirla. Le attività economiche con protocolli imposti dal Governo da mesi devono rimanere aperte. Ristori? Non bisogna dare mance, non bisogna chiudere in casa le persone“. E’ la proposta lanciata dal leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso di una conferenza stampa in tarda mattinata al Senato a Roma nella quale sono state presentate cure “sperimentali” (quali l’idrossiclorochina) domiciliari con un protocollo sostenuto dalle regioni.

Sull’ipotesi di chiusure totali di Lombardia e Piemonte che potrebbero essere classificate come zone ad alto rischio: “Siamo alla follia, incapacità e confusione al Governo. A poche ore dalle nuove regole la gente non sa cosa l’aspetta. Sembra la lotteria, gli altri Paesi non navigano a vista come noi. Ristori? Un decreto dopo l’altro dimostra mancanza di programmazione. Vogliono collaborazione? Adottino il protocollo di cure domiciliari e lascino aperte tutte le attività che hanno dovuto fare i conti coi protocolli del Governo. In generale, la collaborazione si fa in Parlamento. Vediamo il governo confuso, che passa di decreto in decreto, che si chiede oggi chi chiudiamo. In tempo di pandemia, oggi è tempo di click-day, e la Camera che si occupa di omotrasnfobia ci fa capire la confusione in cui regna la maggioranza“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136