Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Rovereto: concorso d’idee per l’arredo urbano e sostegno alle attività economiche

martedì, 11 agosto 2020

Rovereto – Concorso d’idee per l’arredo urbano e sostegno alle attività economiche. La giunta comunale di Rovereto (Trento) ha approvato lo schema di avviso pubblico per un “Concorso di idee per l’arredo urbano”. Nel periodo di distanziamento sociale dovuto al Covid 19, una seduta all’esterno degli esercizi commerciali”, costituito da 10 articoli, impegnando la spesa di euro 1.776,32 euro.

rovereto comune piazzaLa partecipazione al concorso è aperta a tutti i tecnici professionisti operanti nel settore dell’edilizia e del territorio (architetti, urbanisti, ingegneri, tecnici diplomati: geometri e periti). Le valutazioni saranno effettuate da una giuria, nominata dall’amministrazione comunale, composta da 3 membri, scelti tra dipendenti dell’amministrazione ed esperti esterni, sulla scorta dei seguenti criteri: - qualità urbanistica/architettonica; - concretezza realizzativa e attuativa;  aspetti attinenti alla territorialità.

Premi: si prevede l’assegnazione di tre premi a supporto e riconoscimento dello studio professionale effettuato, dei seguenti importi (CNPA e oneri fiscali esclusi): 1° classificato: 800 euro a titolo di acconto in caso di affidamento dei successivi livelli di progettazione; 2° classificato: 400 euro e 3° classificato: 200 euro.

L’Amministrazione comunale, sulla scorta delle valutazioni condotte dalla commissione, si riserva la facoltà di affidare al vincitore del concorso la progettazione esecutiva, la direzione lavori e il coordinamento generale dell’idea prospettata.

Misure Manovra Covid: sostegno attività economiche

Il Comune di Rovereto, in data 14 maggio 2020, ha formalizzato un documento sulle manovre d’urgenza e le “nuove strategie per la ripartenza per la città di Rovereto” che prevede azioni volte a sostenere e promuovere le attività economiche in relazione alla possibilità di estendere gli spazi per plateatici e l’occupazione di suolo pubblico.

Lo scorso 28 maggio 2020 il Comune ha già formalizzato un’autorizzazione temporanea e rinnovabile per l’installazione di plateatici e di altre strutture mobili nel contesto del suolo pubblico, interessanti oltre 40 aziende dando corso all’attuazione sinergica con l’Unione Commercio e Turismo di Rovereto e Vallagarina del progetto “Rovereto città sicura, accogliente ed ospitale”.

Dai dati raccolti dall’Unione Commercio, Turismo, Servizi, Professioni e Piccole Medie Imprese, Sezione Autonoma di Rovereto e Vallagarina, nel territorio di Rovereto e Vallagarina, le aziende commerciali e della ristorazione, pur riaprendo (il 90% delle attività commerciali ma solo il 70% delle attività di ristorazione), stanno incontrando enormi difficoltà a causa di una contrazione dei ricavi.

Tutte le forze politiche rappresentative della città hanno convenuto e deciso di individuare azioni, attività e progetti a sostegno delle attività economiche.Nella manovra sono state così previste risorse per 400 mila euro per riconoscere dei contributi straordinari a favore degli operatori economici per la rivitalizzazione economica, sociale e culturale dell’area del centro cittadino, per la ripartenza post covid-19.

L’iniziativa mira a promuovere e a sostenere progetti imprenditoriali di investimento al fine di rafforzare il tessuto economico locale e di accrescere il presidio del territorio in questo particolare periodo contraddistinto da una eccezionale crisi sanitaria e finanziaria. E’ dunque prevista l’assegnazione di contributi finalizzati alla riqualificazione commerciale delle attività economiche già insediate o insediabili nell’ambito del territorio del Comune di Rovereto.

La delibera di riferimento è la. 164. I contributi previsti sono pari al 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 40mila euro (massimo contributo 20.000 euro). La soglia minima di spesa per essere ammessi a contributo è pari ad 2.000 euro.

Le risorse stanziate per finanziare i progetti presentati ai sensi della presente iniziativa ammontano a complessivi 400.000 euro, di cui 250.000 euro riservati alle attività esistenti ed euro 150.000 euro a quelle nuove.

Informazioni presso Direzione Generale 0464-452601



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136