Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nuova vita per le case cantoniere di Campodolcino e Prata Camportaccio

giovedì, 8 aprile 2021

Campodolcino – Una nuova vita per le case cantoniere è un’occasione d’oro per tutti i territori di montagna. Il bando lanciato da Anas, che ha come oggetto la trasformazione delle case cantoniere a lato delle strade statali d’Italia permetterà la nascita di nuovi punti di ristoro e alloggio per i turisti italiani. Uncem Lombardia, attraverso il suo presidente, Tiziano Maffezzini, esprime grande sostegno per l’iniziativa proposta dall’azienda nazionale che gestisce le strade italiane: ” territori di montagna hanno una forte attrattività – spiega il presidente –, in primo luogo perché tanti turisti, negli ultimi anni, stanno scoprendo le grandi potenzialità della montagna, che offre un turismo esperienziale, oltre che paesaggistico. Ma, attualmente, c’è sempre più interesse nei confronti delle località in quota, perché i lockdown hanno portato tanti cittadini delle metropoli lombarde a desiderare zone più vivibili, che offrono passeggiate immersi nel verde, respirando aria pulita. Inoltre, è risaputo che chi prova a vivere vacanze in montagna se ne innamora e torna frequentemente. Quindi, aprire nuove strutture ricettive, volte proprio a sostenere il comparto turistico, non può che essere la risposta più efficace agli interessi di chi viaggia. Inoltre, questo genere di intervento promuove occupazione sui territori interessati. Così si realizza il punto focale di tutto l’impegno di Uncem: è creando lavoro che si evita lo spopolamento dei piccoli paesi di montagna”.

Non tutte le case cantoniere, però, saranno destinatarie del bando: sono state scelte le 100, tra le quali 12 proprio in Lombardia, che, per caratteristica degli stabili e per posizione, sono più adatte a diventare info point con wi-fi, ristoranti, ostelli, bar, luoghi di promozione dei prodotti locali e stazioni di ricarica per auto elettriche. Le case cantoniere lombarde scelte per il bando sono dodici, oltre a quella della provincia di Brescia (Breno, Ceto, Darfo Boario Terme, Edolo, Gargnano, Limone sul Garda, Ponte di Legno, Salò) spicca Spinone al Lago (in provincia di Bergamo) quindi Campodolcino, Sondrio e Prata Camportaccio (in provincia di Sondrio).

Le case cantoniere, che saranno, quindi, totalmente riqualificate, manterranno il classico colore rosso. Le offerte potranno essere presentate entro le 12 del 15 giugno ad Anas.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136