Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Maltempo, in Alto Adige valanghe e interruzione della circolazione dei treni

martedì, 8 dicembre 2020

Val Senales – La Protezione civile resta in stato di preallarme. Ancora senza corrente 3.200 famiglie. Interrotti i principali collegamenti ferroviari.

valanga nevicata“La situazione resta abbastanza stabile”. Questo il commento del comandante dei vigili del fuoco Florian Alber, al termine dell’incontro di oggi pomeriggio presso il Centro controllo situazioni per fare il punto sull’emergenza meteo. In mattinata sono state registrate alcune valanghe al Brennero, in Val di Fleres, in Val Senales, in Val Pusteria.

A causa del maltempo le lezioni in alcune scuole della provincia vengono sospese per qualche giorno. A San Pancrazio e Ultimo e nella parte alta della Val Passiria, gli asili e le scuole saranno chiusi mercoledì (9 dicembre) e giovedì (10 dicembre) per motivi di sicurezza. “La commissione di valutazione ha confermato lo stato di protezione civile di preallarme Bravo, spiega il direttore della commissione Willigis Gallmetzer.

In Alto Adige sono previsti ulteriori 20 millimetri per metro quadrato di precipitazioni e circa 20 centimetri di neve, che nella parte orientale della provincia potranno diventare 40. Il pericolo valanghe rimane elevato di livello 4 su una scala di 5. Circa 3200 famiglie – soprattutto in Val d’Ultimo – sono ancora senza elettricità.

Dal 3 dicembre la situazione viene tenuta sotto osservazione dalla commissione di valutazione. Oltre alla Protezione civile ed alla Centrale operativa nel corso delle sedute, in parte in videoconferenza, vengono espresse specifiche valutazioni in merito alla situazione da parte dell’Ufficio meteorologia e dal Centro segnalazione valanghe, dall’Ufficio idrologia e dighe, Opere idrauliche, Ripartizione foreste, Ufficio geologia, del Corpo permanente dei vigili del fuoco, della Centrale viabilità provinciale, Centrale provinciale d’emergenza e dal Servizio strade.

Rimane ancora molto difficile spostarsi in treno in Alto Adige. La linea della Val Venosta è stata riaperta, ma risulta interrotta nel tratto compreso fra Tel e Merano a causa della caduta di un albero sui binari. La linea Bolzano-Merano è aperta tra Ponte Adige e la città in riva al Passirio, mentre la linea del Brennero continua ad essere interrotta a Bolzano a causa dello smottamento registrato in zona Virgolo. In questo punto, la frana risulta ancora in movimento, dunque non vi sono i margini di sicurezza per intervenire e riaprire la circolazione. Ancora off-limits, presumibilmente sino a giovedì 10 dicembre, la linea della Val Pusteria. Il servizio sarà coperto con dei bus sostitutivi.

La strada per il passo Palade da Tesimo è nuovamente aperta al traffico. Numerose strade sono ancora chiuse, comprese le strade statali in Val Sarentino (deviazione via Renon) e in Badia (deviazione per il passo Furcia). Anche le strade in Val Martello, Val di Vizze, Valle Aurina e Val Senales sono chiuse. La strada statale Weitental-Pfunders è stata riaperta.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136