Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Limitazioni ai ristoranti in Alto Adige, i contratti di servizio non sono parificati ai buoni-pasto

venerdì, 6 novembre 2020

Bolzano – In Alto Adige le attività di ristorazione possono accogliere solo ai lavoratori la cui azienda ha un contratto di servizio in essere.

Negli ultimi giorni sono state numerose le domande sulla possibilità che le attività di ristorazione continuino a servire i loro clienti che pagano con i buoni pasto. La Provincia ha ora chiarito che ciò non è possibile.

I contratti di servizio per la fornitura di pasti stipulati tra un’attività di ristorazione e un datore di lavoro non sono in alcun modo paragonabili ai contratti di servizio tra i fornitori di buoni pasto.

Le risposte a queste e altre domande sono costantemente aggiornate nelle FAQ del sito provinciale dedicato al coronavirus e al numero verde 800 751 751.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136