Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Le indicazioni per l’attività di mantenimento e cura dei capanni da caccia

sabato, 9 maggio 2020

Darfo Boario Terme – Nel quadro delle attività che sono consentite a seguito dell’apertura della fase 2 dell’emergenza coronavirus, è stata dedicata particolare attenzione agli aspetti relativi al mantenimento e alla cura dei capanni e delle postazioni di appostamento per la caccia sportiva.

Trattasi infatti di attività a confine tra quelle consentite per fini hobbistici e la cura del verde pubblico o privato, nonché per la salvaguardia dell’ambiente in cui stessi sono ubicati risentendo ovviamente di parecchi mesi di incuria.

cacciatore 1L’attività di mantenimento in questione dovrà essere svolta da un massimo di due persone per postazione, munite di mascherine e guanti e nel costante rispetto delle distanza previste dai decreti ministeriali.

Gli addetti a tale attività, siano essi proprietari o incaricati di manutenzione, dovranno con autocertificazione indicare la motivazione qualora dovessero imbattersi in un controllo previsto da parte delle forze di polizia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136