Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


La funivia da Bolzano a San Genesio sospende l’attività il 24 novembre

domenica, 8 novembre 2020

Bolzano – Altri 200mila euro verranno messi a disposizione per la progettazione della nuova funivia da Bolzano a San Genesio. Nel frattempo l’esercizio dell’attuale funivia verrà interrotto. Dal 24 novembre la funivia che collega Bolzano a San Genesio sospenderà il servizio a causa della domanda carente, ulteriormente diminuita in relazione alla pandemia. L’ha comunicato la Ripartizione mobilità della Provincia ai Comuni di Bolzano e San Genesio, concessionari del servizio. Si lavora attualmente al servizio sostitutivo con bus. Foto credit: ASP.

Funivia Bolzano San GenesioIntanto si procede con la progettazione del nuovo impianto, per la quale verranno stanziati complessivamente 200.000 euro come integrazione al programma annuale 2020 della Strutture Trasporto Alto Adige SpA (STA). La Giunta provinciale si occuperà dell’approvazione dei fondi aggiuntivi nella prossima riunione di martedì 10 novembre. L’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider sottolinea l’importanza del nuovo progetto: “Poiché l’attuale funivia non è più conforme alle esigenze attuali, da diversi anni sono in corso i lavori per un nuovo collegamento a San Genesio. Con le risorse aggiuntive stiamo procediamo con la progettazione dettagliata”.

Per consentire la prosecuzione dell’esercizio della funivia sarebbero necessari lavori di manutenzione straordinari per una spesa di circa 100mila euro. Attualmente sono in media 200 gli utenti della funivia, a fronte di costi di esercizio annui per circa 500mila euro.

La funivia, messa in funzione nel 1937, è utilizzata principalmente dai turisti. Secondo i dati dell’Ufficio Mobilità, i pendolari e gli alunni utilizzano più frequentemente il collegamento in autobus. La Provincia di Bolzano sta lavorando ad un servizio alternativo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136