Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Incidente mortale sulle piste della Val Renon, Urzì (FdI): “La Provincia di Bolzano si costituisca parte civile”

venerdì, 3 luglio 2020

Bolzano - ”La Provincia di Bolzano si costituisca parte civile nel procedimento che la Procura della Repubblica ha avviato sul caso della tragica morte di Renata Dyakowska di 38 anni e sua figlia di 8, Emily Formisano, che il 4 gennaio dello scorso anno, causa l’omissione della lingua italiana sulle indicazioni delle piste, intrapresero un percorso troppo pericoloso che le portò a perdere la vita“. A chiederlo è Alessandro Urzì, consigliere della provincia di Bolzano e della Regione Trentino Alto Adige per Fratelli d’Italia – L’Alto Adige nel cuore.

urzì gdvÈ ora che il principio del sacrosanto utilizzo della lingua italiana in Alto Adige sia preteso con forza. La Provincia di Bolzano ora non può far finta di non vedere e capire. Le vittime di questo incidente, per il quale la Procura della Repubblica ha ipotizzato il reato di omicidio colposo plurimo in seguito a presunte carenze gestionali in materia di sicurezza, meritano giustizia. Nel campo d’imputazione – osserva Urzì - si evidenzierebbe che i responsabili dell’impianto avrebbero omesso di fornire agli utenti le indicazioni prescritte dalle norme sulla segnaletica e di tradurre in italiano il divieto di percorrere con la slitta la pista dove poi avvenne il mortale incidente“.

Motivo per cui ragionevole e dovuta sarebbe la costituzione come parte civile in un processo che potrebbe essere simbolo per quanto riguarda il rispetto della lingua italiana, troppo spesso cancellata in Alto Adige, una provincia italiana. Come italiane per residenza erano le vittime dell’incidente che avrebbe potuto essere scongiurato se la pericolosità della pista fosse stata segnalata anche in lingua italiana con la medesima evidenza con cui lo era in lingua tedesca.

“La Provincia non cerchi alibi, sul rispetto delle due lingue, anche quella italiana, si fonda l’Autonomia e questi principi vanno difesi anche in sede giudiziaria“, conclude il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia e provinciale dell’Alto Adige nel cuore, Alessandro Urzì.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136