Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


In Trentino una petizione per far entrare in Comun General de Fascia nel Consiglio delle autonomie

lunedì, 23 novembre 2020

Canazei – In Trentino una petizione per far entrare in Comun General de Fascia nel Consiglio delle autonomie. Il Procurador del Comun General de Fascia, Giuseppe Detomas, accompagnato dal consigliere ladino Luca Guglielmi, ha consegnato stamattina al presidente Walter Kaswalder una petizione, sottoscritta dai sindaci di Canazei, San Jan, Mazzin, Moena, Soraga e Campitello di Fassa. La richiesta della raccolta di firme: la modifica della legge sulla rappresentanza nel Consiglio delle autonomie per ammettere il Comun General nel Cal a pieno titolo come ente locale. petizioneQuesto perché, ha spiegato Detomas, con la legge costituzionale del 4 dicembre 2017 n. , che ha introdotto alcune modifiche nello Statuto in materia di minoranze linguistiche, il Comun General de Fascia è stato riconosciuto come ente locale a tutti gli effetti. Nonostante ciò, ha detto ancora il Procurador presentando la petizione, il Comun General, in assenza di una normativa, risulta ancora come un organo associativo dei comuni come le Comunità di valle. Da qui l’esigenza di una modifica della legge 7 del 2005 che ha costituito il Cal, che porti al riconoscimento di ente locale del Comun General de Fascia e quindi alla sua presenza all’interno dell’organo di rappresentanza delle autonomie locali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136