Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Covid-19: in Trentino due decessi nelle Rsa, da venerdi apre il commercio al dettaglio

martedì, 12 maggio 2020

Trento – I contagi si stanno azzerando sempre più in Trentino: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 28 nuovi casi, di cui 6 nell’ultima settimana secondo l’ultima classificazione del Ministero alla Sanità, e due decessi, entrambi ospiti di case di riposo. I tamponi effettuati sono pari a 1678 e il Trentino si colloca al primo posto a livello nazionale nel rapporto tra tamponi effettuati e residenti. Sui test sierologici, che saranno conclusi nei prossimi giorni, il presidente della Provincia Maurizio Fugatti ha affermato che oggi si è recato a Canazei e domani sarà a Borgo Chiese: “In questa settimana – ha detto il Governatore trentino – mi sono recato nei Comuni dove vengono effettuati i test sierologici e ho notato grande interesse da parte della popolazione”.

Oggi è la Giornata dell’infermiere e dal presidente Fugatti è andato un grande ringraziamento a tutto il personale sanitario e appunto alle infermiere e agli infermieri, per il grande lavoro fatto in questa emergenza.
Fugatti 1

Il presidente Mauriuzio Fugatti (nella foto), nel consueto appuntamento della task force moderato dal responsabile dell’ufficio stampa della Provincia, Giampaolo Pedrotti, ha tracciato un quadro sulle aperture previste dal prossimo 18 maggio e si è soffermato sull’incontro di ieri sera con il Governo e sulla decisione della Giunta provinciale che nella giornata odierna ha fatto una valutazione sulle nuove aperture e deciso di anticipare a venerdì 15 maggio il commercio al dettaglio. ”Noi – ha spiegato Maurizio Fugatti – stiamo seguendo una nostra programmazione e riteniamo che sia importante anticipare l’apertura del commercio al dettaglio, tutti gli altri settori apriranno dal 18 maggio”.

Per quanto riguarda gli spostamenti il Governatore trentino ha ribadito che gli sconfinamenti verso il Veneto potranno avvenire solo tra Comuni confinanti e non da residenti in altri Comuni. Il Trentino si è posto il tema del transito fra comuni confinanti, ovvero in particolare comuni trentini che “toccano” comuni appartenenti alla Regione Veneto. Solo all’interno di questo spazio, e per gli abitanti di questi comuni, è possibile varcare il confine, e solo per andare a trovare un congiunto. “Qualche esempio – ha spiegato Fugatti -: non è possibile andare da Rovereto, Ala o Avio a trovare un parente a Caprino Veronese, visto che non sono comuni confinanti. Ma chi abita ad Avio può andare a trovare un parente a Brentino Belluno o a Dolcé, e viceversa, perché questi comuni si “toccano”. Allo stesso modo, chi abita ad Imer può andare a Sovramonte o Lamon”.

Infine il presidente Fugatti ha chiesto ai trentini di essere prudenti anche in questa fase ed ha informato sui controlli delle forze dell’ordine: nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1437 controlli su persone con dieci sanzioni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136