Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il messaggio del vescovo di Bolzano al Santuario di Pietralba

domenica, 24 maggio 2020

Bolzano – Nella prima domenica di celebrazioni nuovamente alla presenza dei fedeli, il vescovo di Bolzano Ivo Muser ha presieduto oggi la Santa Messa al santuario di Pietralba, all‘aperto. La celebrazione si è tenuta sotto un tendone nello spazio antistante la basilica e nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid-19. ”Noi sentiamo la presenza di Gesù – ha detto il vescovo – nonostante la malattia e le difficoltà, e il sentirlo presente ci rende capaci di andare avanti, di vivere come lui ci ha insegnato, di comunicarlo agli altri”.

Ivo Muser BolzanoNella sua omelia il vescovo Ivo Muser (nella foto) ha ripreso dal vangelo di Matteo la dichiarazione di Gesù agli uomini: io sono con voi. “In questi mesi segnati dal coronavirus – ha detto il vescovo – la promessa del Signore di restare con noi fino alla fine del mondo dà ai cristiani ancora più forza. Ci chiede di far vedere alla comunità che noi sentiamo la sua presenza nonostante la malattia e le difficoltà, e il sentirlo presente ci rende capaci di andare avanti, di vivere come lui ci ha insegnato, di comunicare agli altri che Gesù non ci abbandona neanche nelle situazioni più difficili e dolorose”.

La celebrazione dell’Ascensione, ha continuato monsignor Muser, ci consegna una domanda: “Come testimoniamo nei comportamenti di ogni giorno che noi crediamo nel cielo? Il mio augurio è che ci accompagni la parola di san Giovanni Bosco: “Camminate con i piedi per terra e con il cuore abitate il cielo”.

In Trentino Alto Adige migliaia di persone hanno effettuato oggi la prima gita fuori porta dopo il lockdown, grazie alle temperature decisamente estive, raggiungendo il lago di Garda e i bacini limitrofi per i primi tuffi. In provincia di Bolzano le mete preferite sono stati i laghi di Caldaro, Monticolo e al laghetto di Fie’ ai piedi dello Sciliar.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136