Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Frana Ruinon, Governo accoglie la richiesta della Regione: finanziamenti per bypass stradale da 100 milioni di euro

martedì, 11 febbraio 2020

Santa Caterina Valfurva – “A seguito della richiesta di Regione Lombardia, il Governo ha deciso di finanziare la realizzazione della galleria stradale sulla strada provinciale 29 che conduce al Passo del Gavia, nell’area della frana del Ruinon, in comune di Valfurva/Sondrio”.  Ad annunciarlo ufficialmente gli assessori regionali agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, e al Territorio e Protezione Civile, Pietro Foroni, che hanno ricevuto la comunicazione dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Costi dell’opera

Il costo stimato per il bypass stradale è di oltre 100 milioni di euro che, come spiegava in una nota del 5 febbraio il Dipartimento per le Infrastrutture, sarà realizzato da Anas e finanziato attraverso risorse proprie del Mit; la strada provinciale 29 è compresa tra quelle in corso di rientro nella rete stradale di interesse nazionale.

Sertori: soluzione che garantisce transitabilita’

“Per quasi tutti gli scenari – spiega l’assessore Sertori – la galleria artificiale garantirà in maniera continuativa e in totale sicurezza la transitabilità della strada provinciale 29, interessata assiduamente dal pericolo di colate di materiale detritico e di fenomeni franosi, scongiurando la chiusura del tracciato come avvenne lo scorso luglio, quando di fatto la frazione di Santa Caterina Valfurva/SO rimase isolata e l’economia di questo territorio fu messa a rischio”.

Ministero infrastrutture ha recepito necessita’ dell’intervento

La decisione di finanziare l’intervento si è sviluppata anche a seguito della lettera congiunta degli assessori Foroni e Sertori, trasmessa al Mit il 17 settembre 2019, attraverso la quale “abbiamo chiesto un incontro per una migliore illustrazione del progetto che Regione Lombardia aveva già predisposto nel 2016″. “Dopo tale richiesta – continua Sertori – siamo stati ricevuti dalla Direzione del Ministero che ha pienamente recepito l’importanza e la necessità di questo intervento infrastrutturale. Il bypass stradale, sia in termini di progettazione, che di appalto e realizzazione dei lavori, necessita di tempi quantificabili in alcuni anni. Nel frattempo Regione Lombardia si adopererà, con Comunità montana, Comune e Provincia di Sondrio, per mettere in atto tutte le misure necessarie a garantire il collegamento in sicurezza per i cittadini, compatibilmente con i movimenti e le dinamiche del corpo frana”.

Risposta concreta a territorio che ha sofferto

“Si tratta – conclude Sertori – di un passo avanti molto importante per il quale mi sento di ringraziare il ministro Paola De Micheli e il suo Dipartimento, in relazione a questo atto concreto che ha dimostrato una giusta sensibilità di fronte a un problema che ha generato grosse sofferenze ad una comunità di montagna”.

Foroni: adesso avanti con i lavori per bypass idraulico

Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore Foroni, che ha messo l’accento sull’ottima “sinergia che ha portato a questo importante risultato per garantire la viabilità in completa sicurezza”, anche se non ci si ferma qui: “Adesso bisogna intervenire sulle cause perché la frana è sempre più attiva – sottolinea – Restano fondamentali i lavori finalizzati a fermare la dinamica della frana, lavorando a monte del problema”.

Foroni aggiunge, inoltre, che “siamo già al lavoro con il Comune di Valfurva e la Comunità montana per il drenaggio delle acque superficiali e stiamo programmando anche il drenaggio delle acque profonde. Con il Piano 2020 dell’ordinanza 558/2018 del Dipartimento centrale della Protezione civile abbiamo previsto fondi per progettare anche il bypass idraulico in modo da assicurare la continuità idraulica del torrente Frodolfo anche nel caso di collasso generale della frana”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136