Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Folgaria, riapertura di Base Tuono

sabato, 30 maggio 2020

Folgaria – Base Tuono riapre. Il 2 giugno l’allestimento museale che, unico in Europa, racconta una pagina importante della Guerra Fredda, riaprirà ai visitatori tenendo conto delle nuove disposizioni anti-Covid19.

Non sarà dunque più permesso, come lo scorso anno, di girare liberamente tra missili, bunker e radar, ma si potrà accedere al complesso solo in visita guidata e con numeri contingentati (massimo 13 + la guida). Il grande spazio aperto e l’individuazione di un percorso di visita a tappe permetterà comunque ai visitatori di cogliere l’originalità dell’allestimento, di fare un salto indietro nel tempo in un capitolo della storia del Novecento poco conosciuto che va sotto il nome convenzionale di Guerra Fredda. Toccando con mano (si fa per dire) i missili Nike-Hercules – i ‘guardiani silenziosi’, a cui era affidato il compito di vigilare lo spazio aereo nazionale, pronti ad attivarsi qualora all’orizzonte (l’area del Brennero e della Alpi austriache nel caso di Base Tuono) si fosse profilata una minaccia aerea – il visitatore potrà immergersi nella cupa atmosfera della tensione Est-Ovest del mondo, quella, per intenderci, del rischio dell’apocalisse nucleare. Le novità introdotte per la riapertura sono forzatamente in funzione di garantire la visita in termini di sicurezza: piccoli gruppi (per ora non serve la prenotazione), rigorosamente muniti di mascherina, su un percorso stabilito lungo il quale sono stati posizionati dei segna-posti e sempre con guida al seguito.

In queste ore tutto lo staff è febbrilmente all’opera per giungere, il prossimo 2 giugno, al massimo livello di ‘prontezza’ della Base. Senza dimenticare la spettacolare cornice naturale che la circonda, luoghi di grande fascino come il lago Coe, le passeggiate tra pascoli e abeti, insomma l’emozionante natura alpestre dei 1600 m di Passo Coe.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136