Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Euregio, gli enti camerali: “Aprire subito i confini”

martedì, 9 giugno 2020

Trento – In mattinata i vertici della Camera dell’industria e del commercio di Monaco e dell’Alta Baviera, della Camera dell’economia del Tirolo, delle Camere di commercio di Bolzano e di Trento hanno partecipato a una conferenza on-line per discutere insieme i temi di rilevanza contingente e rafforzare la collaborazione tra territori affini.

Nell’incontro di oggi, che si è aperto con la presentazione dei dati congiunturali delle singole regioni, è stato illustrato il contesto europeo di riferimento in questo periodo di crisi.  La Commissione europea prevede per il 2020 un calo del prodotto interno lordo (Pil) in Italia di 9,5 punti percentuali. In Germania il Pil dovrebbe contrarsi del 6,5%, mentre per l’Austria si stima una riduzione del 5,5%. Molti ritengono che queste stime siano troppo ottimistiche e prevedono una diminuzione ancora più incisiva delle prestazioni economiche nei tre Paesi. Inoltre, il crollo della congiuntura economica ha conseguenze negative dirette anche sul mercato del lavoro. Per il 2020 si stima un aumento significativo del tasso di disoccupazione in Germania, Austria e Italia, che si attenuerà probabilmente solo nel corso del 2021.

Queste cifre mostrano purtroppo che molte aziende stanno risentendo delle conseguenze della pandemia nelle quattro aree considerate. Per questo motivo i vertici delle Camere di commercio, dell’industria e dell’economia hanno oggi approfondito in particolare le misure specifiche a sostegno delle imprese da attuare nei vari territori. I partecipanti hanno confrontato i provvedimenti adottati e si sono scambiati le esperienze finora maturate.

I Presidenti delle Camere di commercio e dell’economia hanno dichiarato: “Soprattutto in periodi di crisi è indispensabile garantire una buona collaborazione tra le regioni, le Camere di commercio, dell’industria e dell’economia, ma anche tra singole imprese. Per facilitare tali collaborazioni e assicurare una concorrenza equa è di estrema importanza aprire i confini, soprattutto per il turismo, la libera circolazione delle merci e una catena di approvvigionamento internazionale funzionante.”

Andrebbero inoltre aboliti subito i controlli sanitari e di confine ai valichi tra Austria e Italia, come già previsto per i confini austriaci con gli altri Paesi limitrofi. Questi controlli sono infatti poco funzionali per combattere il Coronavirus e comportano un ulteriore ostacolo allo sviluppo economico.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136