Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Don Battista Dassa e un gruppo di pellegrini sul Cammino Celeste

mercoledì, 26 agosto 2020

Aquilea -  Don Battista Dassa, il sacerdote camminatore della Valle Camonica che il prossimo 12 settembre farà ingresso come parroco a Collio e San Colombano Val Trompia, e un gruppo di pellegrini stanno compiendo in questi giorni il Cammino Celeste. E’ iniziato lunedì e si concluderà la prossima settimana. Il pellegrinaggio ha preso avvio nello straordinario Santuario dell’isola di Barbana, cittadina sul mare, piena di vicoli e calle, profumi di mare vicina a Grado. Il santuario – nel diario di viaggio di don Battista – appare come un luogo di pace e di tranquillità. Spiega don Dassa: “E’ il posto ideale per meditare sulla nostra vita, sul senso del nostro cammino e sulle motivazioni che ci hanno portato fino a qui….un cammino che parte dal mare, ma che arriva al cielo!”.

cammino celeste 1La seconda tappa è ricca dal punto di vista storico, culturale e religioso. Al termine di una drittissima e assolata pista ciclabile che taglia la laguna e che unisce la cittadina di Grado alla terraferma, i pellegrini hanno fato tappa  alla chiesetta di San Marco dove la tradizione vuole che sia stato proprio da lì che sia approdato per evangelizzare la zona per poi giungere all’attuale Venezia. Il cammino è ripreso alla volta di Aquileia, con la basilica che mostra la straordinarietà di una cristianità nascente e fiorente, e una maestosità di mosaici del ’300 perfettamente conservati e raffiguranti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136