Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Criminalità organizzata, rapporto Dia: i sindacati trentini lanciano l’allarme anche nei luoghi di lavoro

martedì, 21 luglio 2020

Trento – “Quanto emerge dall’analisi della Direzione distrettuale antimafia sugli interessi della criminalità organizzata nella nostra economia e sul rischio di infiltrazioni mafiose desta grande preoccupazione e trova purtroppo conferma nell’esito di recenti indagini condotte dalle forze dell’ordine sul nostro territorio. Per questa ragione l’attenzione di tutti, compresa la nostra deve essere massima per individuare situazioni di rischio da denunciare”. trento trentino paesaggioLo dicono i tre segretari generali di Cgil Cisl Uil del Trentino, commentando il rapporto della Dia relativo al secondo semestre 2019.

Dall’analisi risultano particolarmente a rischio alcuni comparti come il porfido, l’edilizia, il turismo e la ristorazione. “Alcuni di questi settori in anni recenti hanno subito pesanti conseguenze legate alla crisi economica e al rallentamento del mercato; altri come il turismo e la ristorazione sono messi in ginocchio adesso dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria. Tutto ciò conferma che in situazioni di difficoltà le associazioni criminali trovano terreno fertile – proseguono Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -. Vale per gli imprenditori, ma vale anche per i lavoratori: in periodi di crisi e di carenza di occupazione è più facile accettare compromessi, cadere nella rete del lavoro irregolare e dello sfruttamento”. Senza dimenticare che le difficoltà economica in cui si trovano diverse famiglie anche in Trentino a causa di disoccupazione e cassa integrazione. “In queste condizioni è alto il rischio di finire anche vittime di usura per fare fronte a spese che le famiglie non possono sostenere con le proprie forze – insistono -. Per questa ragione è indispensabile fare ogni sforzo per aumentare il sostegno economico ai nuclei a rischio povertà e ai lavoratori disoccupati o in cassa integrazione, rafforzando e ampliando l’assegno unico provinciale”.

In tal senso insistono Cgil Cisl Uil sull’importanza di monitorare le situazioni rafforzando i controlli ispettivi per prevenire il radicamento di situazioni illecite. “Lavoratori e imprese oneste sono quelli che pagano il prezzo più alto di fronte al diffondersi delle infiltrazioni criminali, ma non dobbiamo mai sottovalutare che a rimetterci è l’intera collettività per questa ragione il contrasto alla malavita deve riguardarci tutti. In tal senso riteniamo utile e importante il passo avanti compiuto con la sottoscrizione del Protocollo per la sicurezza. E’ anche nella collaborazione trasversale tra istituzioni, forze dell’ordine, imprese e sindacati che si possono arginare questi fenomeni. Allo stesso tempo bisogna mettere in campo politiche di welfare efficaci e in grado di intercettare e rispondere ai bisogni emergenti della comunità. Così si sottrae terreno alla malavita”, concludono.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136