Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Conferenza del Corecom sul futuro delle tv locali e dell’informazione in Trentino

mercoledì, 9 dicembre 2020

Trento – La quarta conferenza sull’informazione, promossa dal Corecom di Trento, ha posto l’attenzione su un tema d’attualità, che dal 2021 porterà a un cambiamento in Trentino.

Corecom-Sambenotti-Gerardi-Marchiori-700x350In mattinata si è svolta la conferenza, con gli interventi di Marco Sambenotti, presidente del Corecom trentino, Adele Gerardi e Alessio Marchiori, componenti del Corecom, di Stefano Cuppi, presidente del Corecom Emilia Romagna e di editori e giornalisti trentini. La Conferenza sull’informazione organizzata dal Corecom trentino – e svoltasi stamane in modalità digitale da palazzo Trentini – è prevista ogni anno dalla legge provinciale 18 del 2016. Quest’anno il Comitato provinciale per le comunicazioni in carica – presidente Marco Sembenotti, Adele Gerardi, Alessio Marchiori (nella foto) – ha scelto di approfondire il tema del secondo switch per il digitale terrestre, che attende emittenti tv e teleutenti di tutto il Trentino. Il dibattito ha consentito anche di ascoltare le preoccupazioni degli operatori dell’informazione.

Stefano-Cuppi-250x318L’ESPERTO – Dopo il saluto del presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder, e del presidente Corecom trentino, Marco Sambenotti, è intervenuto Stefano Cuppi (nella foto), presidente del Corecom Emilia Romagna, che ha illustrato i termini della difficile transizione che si profila con il passaggio al DVB-T2 ((Digital Video Broadcasting – Terrestrial), detto anche digitale evoluto. Il passaggio avverrà tra settembre e dicembre 2021 per Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, provincia di Trento e provincia di Bolzano, Veneto e Friuli Venezia Giulia. I possessori di apparecchi televisivi ante2017 non devono temere di doverli sostituire, visto che essendo in grado di ricevere il segnale in alta definizione dovranno essere solo adattati con la risintonizzazione dei canali. Ciò non toglie che in alcune zone il segnale potrebbe non arrivare con una copertura perfetta, per cui sarà opportuno installare un amplificatore del segnale tv, per migliorare la visione.

Agli utenti si consiglia di verificare già ora al canale 200 se il proprio televisore è in grado di supportare l’ultima codifica. Per chi dovrà sostenere una spesa, esiste un fondo che può erogare 50 euro di contributo, accessibile a cittadini con Isee fino a 20.000 euro oppure a chiunque “rottami” il televisore.
Cuppi ha poi informato che in Trentino è già stato espletato il bando e incaricata l’azienda che dovrà implementare il servizio tecnico a beneficio delle emittenti locali. Ci sono ritardi invece a livello statale nella quantificazione degli indennizzi che verranno concessi alle tv private, chiamate a costi insopportabili per il necessario aggiornamento tecnico.

GLI INTERVENTI

Graziano Angeli, editore di Trentino Tv, ha spiegato che le emittenti trentine si vedono davanti la prospettiva di pesanti costi, dopo quelli già sostenuti quando fu introdotto il digitale terrestre. E’ in corso un confronto fondamentale con il presidente Maurizio Fugatti, perché l’aiuto della Provincia Autonoma – Angeli ha detto senza giri di parole – sarà decisivo per salvare Trentino Tv e Rttr dallo spegnimento.

Daniele Demarchi, editore di Rttr, ha ricordato che il 2009 è già stato pesantissimo per le aziende televisive locali, che operano in territorio montano e con costi per le antenne di cinque volte rispetto a quelle dei territori di pianura. L’editore ha anche fatto presente l’handicap per le emittenti radio, il cui segnale in Trentino (a differenza che in Alto Adige) viene interrotto ad ogni tunnel stradale. L’auspicio è che si investa nella infrastrutturazione necessaria per garantire un servizio continuo.

Giampaolo Pedrotti, capoufficio stampa della Provincia Autonoma di Trento, ha sottolineato che l’amministrazione Fugatti si sta occupando del problema. A brevissimo termine ci sarà un confronto con gli attori in campo. Lo strumento più adeguato sarà più verosimilmente la legge 6 sull’industria anziché la legge 18/2016, che aveva altre finalità.

Il dibattito ha consentito anche di ascoltare le preoccupazioni degli operatori dell’informazione, Il Nord Est Quotidiano e Radio Primiero in particolare, che hanno evidenziato le novità della legge sull’informazione in Trentino e proposto accorgimenti per il futuro. le istanze sono state raccolte dal presidente del Corecom, Marco Sambenotti, e saranno approfondite nei prossimi mesi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136