Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Campagna “Questo non è amore”, iniziative della Polizia nei licei di Trento

giovedì, 13 febbraio 2020

Trento – Iniziativa della Polizia nelle scuole trentine nel giorno di San Valentino. Domani mattina presso il liceo Rosmini e il 6 marzo preso il liceo Classico Prati nell’ambito della campagna di informazione “Questo non è amore”, la Questura di Trento ha organizzato due incontri con gli studenti a cui parteciperanno il dirigente della Squadra Mobile vicequestore Tommaso Niglio, l’Ispettore Eleonora Berlanda della Divisione Anticrimine e il dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Trentino Alto Adige vicequestore Alberto Di Cuffa, per valorizzare le celebrazioni di “San Valentino” e la “Giornata internazionale della donna”.

Il progetto, ideato e promosso dalla Direzione Centrale Anticrimine del Dipartimento della pubblica sicurezza, ha l’obiettivo di superare gli stereotipi e i pregiudizi per diffondere una nuova cultura di genere e aiutare le vittime di violenza a vincere la paura, rompendo la fitta rete di isolamento e vergona. Per questo motivo è partita una iniziativa permanente che vede l’intervento della Polizia di Stato oltre che nelle piazze anche nelle scuole per sensibilizzare l’opinione pubblica ed in particolare quella degli studenti su una maggiore consapevolezza per combattere la violenza sulle donne.

La disparità di genere e cultura sessista, commenta il Questore Garramone, vanno combattute e fatte proprie soprattutto dai giovani, non soltanto perché rappresentano i principali ostacoli al contrasto del fenomeno della violenza sulle donne ma, anche e, soprattutto, perché minano i diritti umani, la piena partecipazione delle donne alla vita sociale, culturale, politica ed economica del Paese, le libertà personali. Motivo per cui non è più sufficiente indignarsi, quando più o meno morbosamente, siamo attratti dai casi di cronaca più eclatanti sui media, o piangerne le vittime, ma è necessario impegnarsi quotidianamente e personalmente. La sfida è infatti, prima di tutto culturale e parte all’interno delle famiglie e delle scuole: bisogna educare al rispetto tanto del genere maschile quanto di quello femminile, così come vanno ostacolati e condannati prontamente atteggiamenti, comportamenti o anche solo espressioni verbali che esaltano le disuguaglianze e le discriminazioni di genere.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136