Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Caduti e festa Forze Armate, a Sondrio corona di fiori in ricordo di Edoardo Alessi

lunedì, 2 novembre 2020

Sondrio – Stamattina, presso il Comando Provinciale Carabinieri di Sondrio in largo Sertoli, il Comandante Provinciale, Col. Emanuele De Ciuceis, alla presenza del Presidente Associazione Nazionale Carabinieri – Sezione di Sondrio, Brigadiere in congedo Giovanni Pugllisi, nel rispetto delle norme anti-covid, ha deposto una corona di fiori alla lapide che ricorda la figura ed il sacrificio del Ten. Col. Edoardo Alessi, insignito della Medaglia d’Argento al Valor Militare alla Memoria. La breve ma significativa cerimonia ha voluto idealmente ricordare ed omaggiare i Carabinieri caduti nell’adempimento del dovere.

cadQuest’anno è stata annullata ogni forma di manifestazione e cerimonia che tradizionalmente si svolgeva nei primi giorni di novembre in occasione della Festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale. Il 3 novembre 1918 con l’Armistizio di Villa Giusti, entrato in vigore il giorno successivo, terminava la Prima Guerra Mondiale per l’Italia e si completava il processo di unificazione con i territori di Trento e Trieste. Ma oltre all’aspetto territoriale c’è un altro aspetto da considerare. Nelle trincee del conflitto, italiani provenienti da ogni angolo della penisola, si trovarono a combattere fianco a fianco per un obiettivo comune. L’Italia era giovanissima, fino a circa 50 anni prima era divisa: nella penisola vigevano leggi diverse, circolavano monete diverse e vi erano netti confini a separare diversi territori. Con la chiamata alle armi, che per molti ha comportato il sacrificio della vita, sardi e veneti, pugliesi e piemontesi, liguri e calabresi hanno vissuto fianco a fianco e visto parti d’Italia per loro completamente sconosciute.

Quest’anno in Lombardia, si terrà una singola cerimonia a Milano, anche per ricordare il quotidiano impegno delle Forze Armate, all’estero come sul Territorio Nazionale, anche in supporto della popolazione sul fronte covid-19.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136