QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Arge Alp: la macroregione alpina europea fa passi avanti

domenica, 30 giugno 2013

Trento – Il progetto Arge Alp fa passi avanti e nasce l’idea di uno sviluppo armonico delle regioni montane. A Galtuer si è  svolto l’incontro annuale con i rappresenti dei diversi enti e regioni alpine interessati. Il vicepresidente Tiziano Mellarini nel confermare la risoluzione per le aree alpina ha sottolineato l’importanza di “rafforzare la macroregione soprattutto nell’ambito turistico, il turismo va promosso in modo unitario verso i Bric e credo che cooperare possa dare risultati positivi per realizzare compiutamente il valore della montagna e, sottolineo, che l’agricoltura svolge una funzione primaria in questo connubio”.

All’unanimità val-di-pejo-4è stata approvata la risoluzione della macroregione alpina, quella del futuro dell’approvvigionamento idrico pubblico, della strategia efficace nei trasporti (in questo ambito si punta molto sulla rotaia come mezzo principe per le Alpi e si è evidenziato come sia importante gestire – prima della costruzione della galleria di base del Brennero – i flussi di traffico e l’importanza di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uso del treno). A proposito della risoluzione riguardante i trasporti il vicepresidente Mellarini ha evidenziato l’ “adesione convinta da parte della Provincia autonoma di Trento. Ritengo però molto importante dare inizio ad un’azione promozionale del collegamento Brennero proprio per favorire l’attrattività dei nostri territori. Un’azione informativa per il beneficio che porterà questo collegamento nord-sud”. Le recenti alluvioni avvenute in Baviera, Salisburgo e Tirolo sono state poste all’attenzione della conferenza dei Capi di Governo in premessa alla risoluzione sulla protezione dalle alluvioni e dalle esondazioni. Anche questa risoluzione è stata approvata all’unanimità. Sono stati illustrati anche alcuni nuovi progetti: i giovani dell’arco alpino (presentato dalla Lombardia: comincerà in settembre 2013 e durerà 27 mesi, obiettivo favorire interscambio culturale nelle regioni Arge Alp). Totale condivisione da parte del Trentino espressa dal vicepresidente Mellarini che ha ricordato due appuntamenti importanti in cui coinvolgere i giovani: il TrentoFilmFestival della montagna e il secondo “sviluppa gli scenari globali” in ambito economico ed è il Festival dell’economia. Il secondo progetto è stato presentato dal Canton San Gallo e riguarda le “regole del gioco nel triangolo la fauna selvatica, bosco e spazio vitale”. Poi dal presidente Luis Durnwalder ha illustrato il prossimo convegno tecnico sul tema della coltivazione di erbe nelle regioni alpine. Su alcuni progetti già in corso è stato fatto il punto di quanto si sta realizzando: soccorso piste nell’arco alpino realizzato dal Salisburghese e già concluso con un risparmio del 10% sull’impegno di spesa previsto.Nel campo sportivo sono stati illustrati altri progetti come Sport in generale, Permafrost, Xchange, Commercio di vicinato, Gestione rifiuti nei rifugi,  Turismo ciclopedonale e Scambio studenti nelle scuole (curati anche questi dalla Provincia autonoma). Quello relativo allo scambio di studenti interessa, oltre al Trentino, i territori del Voralberg, Tirolo e Alto Adige; riguardo alle buone pratiche nelle stazioni sciistiche, curato anch’esso dalla Provincia autonoma (Tirolo, Voralberg, Lombardia e Canton Tirolo hanno già aderito), il 30 agosto prossimo sarà pubblicato il bando e un sito apposito sarà on-line a breve. Il progetto dedicato ad ecologia ed economia del bosco è stato illustrato dal Canton San Gallo. L’Alto Adige ha anticipato l’Atlante degli alpeggi che sarà presentato ufficialmente il 13 luglio prossimo. L’ultimo progetto arriva dallo Stato di Baviera ed ha per fulcro i giovani. Titolo del progetto è L’accademia europea dei talenti. E’ poi stato posto l’accento sull’opportunità di comunicare meglio al pubblico gli obiettivi di Arge Alp. Il bilancio di previsione per il 2014 è stato approvato all’unanimità. Si è quindi passati alla cerimonia del passaggio di presidenza dal Tirolo al Trentino. Il presidente del Tirolo Platter ha messo in luce quando sia stato importante quest’anno di presidenza perché Arge Alp (un’area abitata da 23 milioni di abitanti, residente in 10 Regioni) ed ha un ruolo centrale nelle Alpi. Il vicepresidente Mellarini ha poi detto: “Si è parlato stamane anche delle inondazione dei territori, voglio sottolineare la disponibilità del Trentino ad azioni di concerto con i territori Arge Alp, per esempio sulla Carta del rischio geologico, già attuata in Trentino per salvaguardare il nostro territorio. Sulla ricerca, voglio spendere alcune parole per avere a cuore il nostro futuro: investire in ricerca per poi essere innovativi. Chiudo sui giovani per portare a loro quella fiducia, quella speranza che una macroregione alpina ha il dovere di portare. Sulla greeneconomy, la macroregione alpina può portare un notevole contributo. Questi i tempi più urgenti per dare impulso, crescita al territorio di Arge Alp. Per quanto riguarda il Premio Arge Alp per dare un segnale importante ai nostri giovani, in occasione del centenario della Grande Guerra, il tema sarà dedicato alla pace”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136