Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Alto Adige, avviso per gli ingressi dall’estero

sabato, 18 luglio 2020

Bolzano – Dal 3 giugno 2020 è stato abolito l’obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti dagli Stati membri dell’UE. Anche l’ingresso da Stati che fanno parte dell’accordo di Schengen, dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, da Andorra, dal Principato di Monaco, dalla Repubblica di San Marino e dallo Stato della Città del Vaticano non è più soggetto ad obbligo di notifica.

Tuttavia, i viaggiatori provenienti da altri Paesi, come l’Albania, il Kosovo, la Turchia, l’Ucraina e i paesi extraeuropei, sono ancora obbligati a segnalare il loro ingresso presso il rispettivo Servizio di Igiene e Sanità Pubblica. Dal giorno dell’ingresso, queste persone sono obbligate a trascorrere 14 giorni in isolamento domestico.

La notifica dell’ingresso può essere effettuata in modo semplice e veloce attraverso diversi canali come, ad esempio, il modulo online che è accessibile al seguente indirizzo Internet: https://siag.limequery.org/483785.

L’arrivo in Italia può essere segnalato anche telefonicamente al servizio di reperibilità del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica. Il servizio è disponibile tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00 al numero di cellulare +39 337 1422707.

Tale comunicazione di ingresso può infine essere notificata all’indirizzo e-mail coronavirus@sabes.it. Nella mail devono essere indicati: nome, cognome, data di nascita, indirizzo e-mail, numero di telefono, indirizzo di residenza in Alto Adige, motivo dell’ingresso, data di ingresso e paese di provenienza.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136