Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ai ricercatori del Centro Laimburg il premio dell’American Chemical Society

sabato, 22 agosto 2020

Laimburg – Disturbi della crescita della vite: ricercatori del Centro Laimburg insigniti del premio dell’American Chemical Society. Nel 2015 si sono verificati molti casi di disturbi della crescita della vite, che hanno causato enormi perdite di resa nella viticoltura altoatesina e in altri Paesi europei. Il Centro di Sperimentazione Laimburg è stato in grado di chiarire la causa di questi disturbi e ha reso noti i risultati in tutto il mondo in una pubblicazione scientifica. Ora l’articolo è stato eletto “articolo scientifico dell’anno” dall’American Chemical Society (Divisione AGRO).

Innovazioni centro ricerca © Centro di Sperimentazione LaimburgI risultati della ricerca del Centro di Sperimentazione Laimburg vanno a beneficio soprattutto dell’agricoltura e trasformazione alimentare altoatesina, ma attirano anche l’attenzione internazionale. Recentemente, un team interdisciplinare di ricercatori, guidato dall’esperto chimico Peter Robatscher e dal direttore del Centro Laimburg Michael Oberhuber (lui stesso un chimico), è stato premiato per le sue ricerche sui disturbi della crescita della vite, che nel 2015 hanno portato a grandi perdite di resa in Alto Adige e in altri Paesi europei (nella foto © Centro di Sperimentazione Laimburg).

In collaborazione con il Centro di Consulenza per la fruttiviticoltura, il Centro Laimburg è riuscito a chiarire le cause di questi disturbi. Successivamente, i risultati della ricerca sono stati presentati in occasione di congressi a livello locale, nazionale e internazionale, nonché in diverse riviste scientifiche tra cui la rinomata rivista Journal of Agricultural and Food Chemistry. Per questa pubblicazione, gli scienziati del Centro Laimburg sono stati premiati dalla Società di Chimica Americana quale articolo dell’anno — “The Journal of Agricultural and Food Chemistry Research Article of the Year Award”.

In circostanze normali, Michael Oberhuber e Peter Robatscher avrebbero accettato il premio a nome dell’intero team di ricerca in occasione del “National Fall Meeting” dell’American Chemical Society a San Francisco. Tuttavia, a causa delle condizioni dovute al Covid-19, la conferenza si è tenuta virtualmente. La cerimonia di premiazione di giovedì 20 agosto 2020 si è svolta ,infatti, nell’ambito di un evento digitale, al quale il team di ricerca ha partecipato dalla Cantina nella Roccia al Centro di Sperimentazione Laimburg.

The Journal of Agricultural and Food Chemistry Research Article of the Year Award
Nel 2019 sono stati pubblicati 1.446 articoli scientifici nella rivista Journal of Agricultural and Food Chemistry Research. La pubblicazione dei colleghi del Centro Laimburg è stata selezionata come migliore pubblicazione nel campo della chimica agraria e alimentare dall’American Chemistry Association (ACS), che assegna questo premio ogni anno dal 2013 per l’eccellenza della ricerca nel campo della chimica agraria e alimentare.

“Il Centro di Sperimentazione Laimburg è stato fondato nel 1975 con l’obiettivo di creare un centro di ricerca orientato alla pratica per l’agricoltura altoatesina. Nel frattempo, il Centro si è sviluppato ulteriormente e ha acquisito importanza a livello internazionale. L’attenzione alla ricerca e all’innovazione, nonché l’ampliamento delle attività nell’ambito della qualità e della lavorazione degli alimenti, hanno dato i suoi frutti”, ha spiegato Arnold Schuler, Assessore provinciale all’agricoltura responsabile del Centro di Sperimentazione Laimburg. “Lo dimostra anche questo premio internazionale, per il quale mi congratulo con i ricercatori coinvolti.”

“Nel Centro di Sperimentazione Laimburg diamo grande importanza alla rilevanza pratica; la stretta collaborazione con i nostri stakeholder e la comunità agricola, è nel nostro DNA. Solo in questo modo possiamo vedere dove stanno i problemi e reagire immediatamente – come abbiamo fatto all’epoca con una task force per affrontare la problematica legata ai disturbi della crescita in viticoltura. Allo stesso tempo, però, ci mettiamo sempre più in rete con altri istituti di ricerca in tutto il mondo, promuovendo così la nostra internazionalizzazione. Solo conducendo ricerche a livello internazionale possiamo contribuire a mantenere competitivo a livello globale il settore delle tecnologie agroalimentari dell’Alto Adige. Il premio ci ha dimostrato che siamo sulla strada giusta e che la nostra ricerca è riconosciuta a livello internazionale”, ha dichiarato il direttore del Centro di Sperimentazione Laimburg Michael Oberhuber.

Chiarite le cause dei disturbi della crescita della vite
Nel 2015 in Alto Adige più di 1.000 vigneti, ovvero più del 13% della superficie vitata (> 400 ha) hanno presentato disturbi della crescita su foglie e infiorescenze, per cui alcune non sono fiorite affatto o solo parzialmente. Ciò ha comportato perdite della resa fino all’80%. Oltre che in Alto Adige, questa problematica si è verificata anche in Italia meridionale, Austria, Germania, Francia e Svizzera.

In collaborazione con il Centro di Consulenza per la fruttiviticoltura, un gruppo di ricerca interdisciplinare del Centro di Sperimentazione Laimburg composto da esperti di viticoltura (Barbara Raifer), di protezione delle piante (Gerd Innerebner) e di chimica agraria (Peter Robatscher), ha studiato la fenomenologia dei disturbi della crescita con prove sul campo, in serra e in laboratorio.

Sotto la guida dell’esperto chimico Peter Robatscher, i ricercatori sono riusciti a dimostrare che i disturbi della crescita sono stati causati da un fungicida, il LUNA@Privilege della Bayer CropScience. Il prodotto fitosanitario a base del principio attivo fluopyram è stato utilizzato quasi universalmente nel 2014 contro la malattia fungina “botrite” nella viticoltura altoatesina. La Bayer CropScience ha immediatamente riconosciuto i risultati del Centro Laimburg, ha ritirato il prodotto dal mercato e ha compensato i viticoltori altoatesini per i danni con un totale di oltre 2 milioni di euro.

“Fondamentale per il successo del nostro lavoro è stato l’approccio interdisciplinare, in cui sono state integrate esperienze nel campo della viticoltura, della protezione delle colture e della chimica agraria”, ha spiegato Peter Robatscher, che dirige il Laboratorio per Aromi e Metaboliti del Centro Laimburg presso il NOI Techpark: “Altrettanto fondamentale, tuttavia, è stata la stretta collaborazione con il Centro di Consulenza per la fruttiviticoltura, in primo luogo con Hansjörg Hafner, i suoi colleghi e gli agricoltori interessati a trovare una soluzione al fenomeno”.

Il Centro di Sperimentazione Laimburg in breve
Il Centro di Sperimentazione Laimburg è l’istituto di ricerca nel settore agroalimentare in Alto Adige e si occupa soprattutto di ricerca applicata diretta ad aumentare la competitività e la sostenibilità dell’agricoltura altoatesina per garantire la qualità dei prodotti agricoli. Ogni anno, i 150 collaboratori del centro lavorano a 350 progetti e attività in tutti campi dell’agricoltura altoatesina, dalla frutticoltura e viticoltura fino all’agricoltura montana e alle tecnologie alimentari. Il Centro di Sperimentazione Laimburg è stato fondato nel 1975 a Vadena nella Bassa Atesina.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136