Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Zootecnia di montagna, 2 milioni di euro stanziati da Regione Lombardia

Edolo - Regione Lombardia stanzia 2 milioni di euro per assicurare il potenziamento e lo sviluppo delle aziende zootecniche di montagna. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta su proposta dell'assessore all'Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste Alessandro Beduschi, di concerto con l'assessore agli Enti locali, Montagna, Risorse energetiche, Utilizzo risorsa idrica Massimo Sertori.


"La permanenza in montagna di attività agricole sostenibili - commenta Beduschi - è una condizione essenziale per contrastare lo spopolamento di questi territori.

Potenziamento e ammodernamento delle strutture zootecniche risultano fondamentali per sostenere sistemi produttivi competitivi e multifunzionali".


Sono beneficiari della misura, attivata con procedura di evidenza pubblica con graduatoria, i soggetti pubblici proprietari di terreni agricoli o di fabbricati e strutture, in considerazione che le strutture zootecniche nelle aree di media ed alta montagna sono prevalentemente di proprietà pubblica.


Saranno finanziati, con un contributo massimo di 200.000 euro, interventi per un valore compreso tra 50.000 euro e 500.000 euro.


"Il bando che regolerà la presentazione delle domande - prosegue Beduschi - sarà pubblicato entro giugno. L'obiettivo è erogare i primi contributi nel corso di quest'anno. Le risorse potranno essere utilizzate per promuovere interventi di costruzione, ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione straordinaria di strutture, impianti e attrezzature".


"Anche attraverso queste risorse - spiega l'assessore a Enti locali, Montagna, Risorse energetiche e Utilizzo risorsa idrica, Massimo Sertori - continua l'azione politica a sostegno delle malghe e degli alpeggi delle nostre montagne. Abbiamo sempre ritenuto che queste attività siano fondamentali per la produzione di prodotti di eccellenza. Il presidio degli alpeggiatori concorre a mantenere e monitorare il patrimonio dei territori montani".


"Questa misura - conclude Sertori - va ad aggiungersi a quelle messe in campo anche dal mio assessorato, che mirano a migliorare la produttività e lo sviluppo delle strutture e degli impianti per allevamenti zootecnici. Puntano, inoltre, a recuperare il patrimonio edilizio storico montano e ad aumentarne l'efficienza energetica".

Ultimo aggiornamento: 17/05/2023 00:56:55
POTREBBE INTERESSARTI
Renon (Bolzano) - I carabinieri di Renon incontrano gli anziani del paese. Nei giorni scorsi i militari della Stazione...
Il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato il ministro Pichetto Fratin
Grazie al progetto portato avanti da AquiLab e liceo delle arti di Trento e Rovereto
Trento - Ultimo saluto ad Annamaria Frioli, vittima di un incidente in via Maccani a Trento. La donna, di 70 anni, era...
Incontro a Palazzo Trentini con il presidente Claudio Soini
ULTIME NOTIZIE