Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, l'Università della Montagna al convegno di Coldiretti Brescia

Edolo (Brescia) - Unimont interviene al convegno di Coldiretti Brescia "+0,96°… La lunga estate calda”. Giovedì 10 novembre, alle ore 10:30 presso la Biblioteca Comunale di Vobarno (Brescia) si terrà il convegno organizzato da Coldiretti Brescia "+0,96°…La lunga estate calda. Quando il clima cambia anche l’economia di montagna".


Il convegno, nel corso del quale interverrà anche la professoressa Anna Giorgi, Presidente del Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell’ambiente e del territorio montano del Polo UNIMONT della Statale di Milano, rappresenta un’importante opportunità per riflettere sugli effetti del cambiamento climatico sui territori montani.
IL PROGRAMMA
Carlo Panzera – Sindaco di Vobarno
Giovanmaria Flocchini – Presidente della Comunità Montana di Vallesabbia
RELATORI
Gabriele Calliari – Presidente di Federforeste
Anna Giorgi – Presidente del Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell’ambiente e del territorio montano del Polo UNIMONT della Statale di Milano
Fabio Rolfi – Assessore agricoltura, alimentazione e sistemi verdi di Regione Lombardia
Andrea Giuliacci – Meteorologo, climatologo e accademico
Valter Giacomelli – Presidente di Coldiretti Brescia
MODERA
Tonino Zana: Giornalista


SEMINARIO SUL BOSTRICO


Il bostrico nelle Alpi e in Valle Camonica: una panoramica sullo stato di fatto e buone pratiche per l’immediato futuro.

Venerdì 11 novembre 2022, alle ore 14.30 presso il Polo UNIMONT dell'Università degli Studi di Milano (Edolo, BS) e online si terrà il convegno "Il bostrico nelle Alpi e in Valle Camonica: una panoramica sullo stato di fatto e buone pratiche per l’immediato futuro" che si propone di offrire una panoramica generale sulla situazione alpina legata al bostrico, focalizzandosi sugli interventi di monitoraggio e di prevenzione messi in atto in Valle Camonica.


"Questo convegno ha l’obiettivo di fare il punto della situazione, portando esempi sia su scala locale che regionale e di altri ambiti alpini. Anche i semplici cittadini e l’opinione pubblica sono molto colpiti e preoccupati da questo fenomeno, per cui l’obiettivo è quello di utilizzare un linguaggio scientifico rigoroso ma comprensibile e accessibile a tutti per spiegare l’origine, le dinamiche, le conseguenze e le possibili soluzioni del problema", dichiara Gian Battista Sangalli, direttore del Servizio Foreste e Bonifica Montana della Comunità Montana di Valle Camonica.


Il Professor Giorgio Vacchiano, Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia - Università degli Studi di Milano, aggiunge: "L'esperienza dei Paesi a nord delle Alpi ci dice che la pullulazione del bostrico dura normalmente 5- 6 anni, ed è in grado di raddoppiare o triplicare i danni originariamente provocati dalla tempesta di vento. Ma è la prima volta che una infestazione così ampia si spinge a sud della catena Alpina. In questo momento, le nostre montagne sono a tutti gli effetti un laboratorio sperimentale, dove toccare con mano le conseguenze della crisi climatica sulle foreste e sui loro benefici per la società, e cercare nuove soluzioni per conservarli aumentando la resistenza del bosco".


Ultimo aggiornamento: 07/11/2022 04:45:42
POTREBBE INTERESSARTI
ULTIME NOTIZIE
Le decisioni del Questore dopo controlli ed episodi di cronaca
Per verosimili motivi di gelosia: moldavo 48enne arrestato dai carabinieri
Intensificati i controlli dei carabinieri nel capoluogo: il bilancio