Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Interramento dell’elettrodotto Ossana- Pellizzano, approvato ordine del giorno in Provincia

giovedì, 29 luglio 2021

Ossana – Il Consiglio provinciale di Trento ha approvato all’unanimità la proposta di ordine del giorno avanzata del consigliere provinciale Claudio Cia (FdI) alla manovra di assestamento della Provincia, che pone l’attenzione sull’interramento dell’elettrodotto della linea dell’alta tensione in Val di Sole, esattamente nel tratto “Ossana- Pellizzano, dove nel giugno 2020 è morto un pescatore folgorato da una scarica elettrica dell’alta tensione.

“La linea percorre l’intero stretto fondovalle della Val di Sole attraversando centri abitati, strade, centri sportivi, torrenti. Considerato che suddetta valle presenta una morfologia stretta e contenuta, l’elettrodotto è impattante per le comunità locali, non solo per i vincoli che esso pone per lo sviluppo urbanistico e territoriale, ma anche per il paesaggio e la salute dei cittadini. Il documento chiede l’impegno della Giunta provinciale per avviare un’interlocuzione con Terna Spa al fine di inserire la progettazione dell’interramento del tratto di linea elettrica aerea ad alta tensione Ossana –Monclassico nel tratto tra i Comuni di Pellizzano e Ossana”, afferma Claudio Cia, presidente del Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia

ORDINE DEL GIORNO – INTERRAMENTO ELETTRODOTTO “OSSANA-PELLIZZANO”
Premesso che,
la Val di Sole è interessata da due linee dell’alta tensione di proprietà della Società Terna Spa: linea 1 da 220 Kw e linea 2 da 132 Kw. La linea dell’alta tensione (132 Kw) Ossana – Monclassico, lunga 12,524 Km, percorre l’intero stretto fondovalle della Val di Sole attraversando centri abitati, strade, centri sportivi, torrenti. Nel territorio di Ossana c’è anche la sottostazione che fa da interscambio sia per la linea da 132 Kw in questione, sia per quella da 22 Kw che collega Cedegolo a Taio. Nella zona dell’alta Val di Sole che presenta una morfologia stretta e contenuta,
l’elettrodotto è impattante per le comunità locali, non solo per i vincoli che esso pone per lo sviluppo urbanistico e territoriale, ma anche per il paesaggio e la salute dei cittadini. A fronte di ciò, nessun ristoro è corrisposto agli Enti pubblici e alle Comunità, né per l’occupazione del suolo né per i vincoli delle linee aeree.
Dato che, dai documenti della Società Terna Spa emerge che è stato fatto uno sforzo per interrare i tratti delle
due linee nella parte riferita alla Regione Lombardia. Negli ultimi anni, infatti, sono stati già interrati parti della linea da 220 Kw (Cedegolo – Taio) ossia tra Cedegolo ed Edolo e tra Temù ed il Passo del Tonale.
Valutato inoltre che,
proprio nel tratto Ossana – Pellizzano nel giugno 2020 è morto un pescatore folgorato da una scarica elettrica della linea dell’alta tensione. I Comuni di Pellizzano ed Ossana si sono mobilitati attraverso una lettera congiunta sollecitando la Provincia Autonoma di Trento a prendere contatti con Terna Spa per porre il problema e sollecitare un rapido interramento; di fatto la Comunità della Val di Sole ha individuato in questa soluzione uno dei principali interventi da portare avanti.
Tutto ciò premesso,
il Consiglio della Provincia autonoma di Trento
impegna la Giunta provinciale
ad avviare un’interlocuzione con Terna Spa al fine di inserire la progettazione degli interventi di interramento del tratto di linea elettrica aerea ad alta tensione Ossana – Monclassico nel tratto tra i Comuni di Pellizzano e Ossana utilizzando a tal fine le somme disponibili a bilancio”, i consiglieri Claudio Cia, Alessia Ambrosi e Katia Rossato.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136