Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Giovedì, 22 febbraio 2024

Torna la neve in montagna: la situazione in Trentino Alto Adige

Passo Tonale - L’inverno è tornato a fare capolino sulle Alpi, in Lombardia e Trentino Alto Adige, con nevicate iniziate nel pomeriggio. E' stato emesso un avviso di allerta ordinaria per nevicate e possibili problemi di natura idrogeologica fino a mezzogiorno di sabato 24 febbraio.
A seguito delle previsioni meteorologiche si ritengono possibili, erosioni e smottamenti nel reticolo idrografico, ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti, esondazioni, frane e colate rapide. Possono verificarsi disagi ed effetti (anche interruzioni) sulla viabilità e sulla circolazione ferroviaria, nonché sulle reti, anche aeree, di comunicazione e di distribuzione di servizi.


Le previsioni
La quota neve è attesa calare a 1200 - 1400 metri circa nelle valli più ampie e nelle zone più ventilate, mentre nelle valli più strette, specie durante le fasi più intense, neve o neve mista a pioggia potrà interessare anche i fondovalle a quote vicine ai 1000 metri. Entro la sera di venerdì sono attesi 30 - 60 cm di neve oltre i 1500 metri, un metro al Presena con quantitativi maggiori alle quote più alte soprattutto sui settori sudoccidentali; quantitativi inferiori sono invece attesi a quote inferiori; a quote basse attese cumulate complessive di pioggia mediamente di 30 - 60 mm con massimi di 80 - 100 mm sui settori meridionali e nelle zone di stau. Da sabato a martedì prossimo correnti meridionali a tratti umide ed instabili con temperature vicine o inferiori alla media del periodo.


In Alto Adige
L'Agenzia per la Protezione civile invita la popolazione ad adeguare il proprio comportamento e ad adottare la dovuta cautela.

Nel corso della notte e domani sono previste nevicate fino a 600 metri di quota su alcuni settori del territorio come l'Alta Venosta e il Passo Resia, l’Alta Val d’Isarco e l'Alta Pusteria. L’evolversi delle perturbazioni porterà al rischio di strade ghiacciate a quote medio-alte. L'Agenzia per la Protezione civile della Provincia autonoma di Bolzano invita la popolazione invita a prestare massima attenzione alle mutevoli condizioni metereologiche, causate dalle condizioni tipicamente primaverili dei giorni scorsi.


"A causa del potenziale di rischio per i movimenti di massa e le colate detritiche, per la giornata di venerdì 23 febbraio è previsto lo stato di protezione civile giallo su diversi territori della provincia: è importante monitorare con attenzione le condizioni meteo, adattando il proprio comportamento”, sottolinea il direttore del Centro funzionale provinciale Willigis Gallmetzer, che evidenzia come eventi come frane superficiali e localizzate e cadute massi potrebbero registrarsi anche in Valle Isarco, in Val d’Adige e nel territorio del Burgraviato.


“Le nevicate influenzeranno anche il rischio valanghe”, riferisce Lukas Rastner, dell’Ufficio Meteorologia e prevenzione valanghe. "Con le abbondanti nevicate previste per venerdì, il rischio valanghe aumenterà notevolmente sulle montagne di tutto il territorio provinciale. “Il livello di allerta 4-elevato è previsto nelle principali aree dove sono previste le precipitazioni, mentre il livello di allerta Bravo – il terzo livello su quattro di emergenza, è previsto nelle altre zone montane della provincia.


Il pericolo è dovuto principalmente alla presenza di neve fresca e anche ventata. Sono possibili, inoltre, valanghe di grandi dimensioni provenienti da zone difficilmente accessibili. Al di sotto dei 2400 metri, i punti maggiormente pericolosi si trovano nelle zone poco frequentate, soprattutto sui pendii ombreggiati molto ripidi, a causa del progressivo impregnamento del manto nevoso. È necessario, dunque, valutare con grande attenzione, anche per i prossimi giorni, escursioni e sci fuoripista, che richiedono esperienza nella valutazione del pericolo di slavine.

Ultimo aggiornamento: 22/02/2024 17:22:31
POTREBBE INTERESSARTI
Il 25 aprile un appuntamento inclusivo e alle 18 la sfida tra Vintage neroverdi e Cuore granata
Lo strudel salato a km zero tipico del Tesino raggiunge i 24,42 metri
ULTIME NOTIZIE