Ad

w

Ad
Ad


Educazione alla legalità, in Trentino il progetto “Il banco vuoto”

mercoledì, 13 ottobre 2021

Trento – Educazione alla legalità, Scuola cattolica e Tribunale minorenni sottoscrivono il progetto “Il banco vuoto”. All’Arcivescovile la firma con l’arcivescovo Lauro e il presidente Spadaro.

Sensibilizzare ragazzi, adolescenti, ma anche insegnanti e genitori ai temi della legalità, della cittadinanza attiva e della mediazione dei conflitti sociali; conoscere le Istituzioni e le leggi che garantiscono diritti/doveri dei minori, aumentare la consapevolezza dei fattori che agiscono da antidoto alla criminalità minorile; far riconoscere ai ragazzi il fenomeno del cyber-bullismo ed i pericoli della rete. 

Sono alcuni degli obiettivi del progetto “Il banco vuoto” che segna la collaborazione tra Scuola cattolica – in particolare l’Arcivescovile di Trento e Rovereto e La Vela (Rovereto) – e il Tribunale per i minorenni. 

L’accordo è stato sottoscritto nell’aula Magna del Collegio Arcivescovile (Trento, via Endrici) alla presenza dell’arcivescovo di Trento Lauro Tisi e del Presidente del Tribunale per i Minorenni, Giuseppe Spadaro.

Introdotti dal rettore dell’Arcivescovile Bruno Daves, Tisi e Spadaro hanno incontrato un centinaio di studenti delle medie inferiori e dei Licei classico e scientifico, prima di sottoscrivere l’intesa. A rappresentare l’Arcivescovile anche il preside Christian Bonazza; per l’Istituto La Vela, il preside Alessandro Laghi.

Le trasformazioni sociali degli ultimi decenni con un’oggettiva fragilità relazionale, lo scorretto utilizzo o l’abuso delle nuove tecnologie e le difficoltà di comunicazione tra le generazioni con adulti e agenzie educative – sempre meno preparati ad affrontare il disorientamento esistenziale e a contenere eventuali condotte trasgressive di ragazzi e giovani – stanno alla base del progetto Il banco vuoto. 

Il simbolico “banco vuoto” è un richiamo al possibile disagio vissuto da un minorenne, nei casi più estremi in ragione di un reato o di un allontanamento che lo porterebbe a lasciare, appunto, il proprio banco sguarnito. 

“Il progetto – ha spiegato il Presidente Spadaro – prevede di riempire idealmente quel posto attraverso la presenza a scuola di un rappresentante della giustizia minorile perché possa aiutare ragazzi ed insegnanti a trasformare il vuoto dell’assenza in un’occasione di riflessione rispetto alle motivazioni che l’hanno provocata”. 

Si punta così a promuovere, all’interno delle scuole coinvolte dal progetto – in avvio alcune classi dell’Arcivescovile e dell’Istituto La Vela, con la possibile estensione ad altre scuole cattoliche –, pratiche di mediazione dei conflitti sociali, di educazione alla convivenza e alla coesione sociale. 

Un percorso in cui emerga l’importanza di un’alleanza educativa tra Istituzioni e scuola e che stimoli alla riflessione e al dialogo con il contesto familiare.

“Dobbiamo partire – ha sottolineato l’arcivescovo Lauro – dal meglio che abbiamo, ovvero i nostri ragazzi, troppo spesso dipinti come problema, quando invece la responsabilità è in capo all’adulto. Spetta all’adulto aiutare i ragazzi a scoprire il valore dell’altro e il senso del bene comune”. 

Guardando al Vangelo e rispondendo alle domande dei ragazzi, don Lauro ha quindi aggiunto: “Gesù ha sempre ricostruito gente che ha sbagliato. Sbagliamo tutti: ma la vera innovazione è questa: dallo sbaglio si può rinascere!”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136