Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pumenengo, contrasto allo spaccio di droga: due arresti

mercoledì, 20 gennaio 2021

Quando:
21 gennaio 2021@20:00–21:00 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-21T20:00:00+01:00
2021-01-21T21:00:00+01:00

Ieri a seguito di un mirato servizio di polizia giudiziaria svolto dai militari della Stazione di Calcio, sono stati tratti in arresto il 23enne A.K. ed il 29enne A.Z., entrambi marocchini irregolari sul territorio nazionale che da tempo avevano trovato nel piccolo comune al confine con il bresciano la loro base logistica per lo spaccio.

Da quanto emerso dalle indagini, dopo aver preso appuntamento, i clienti sarebbero stati soliti raggiungere i nordafricani nel parcheggio del cimitero -lungo la S.P. 106- dove poi acquistavano lo stupefacente.

I militari hanno quindi monitorato i movimenti delle vetture in transito per l’area segnalata di interesse per gli scambi e, verso le 19:00, notato un Fiat Qubo fermarsi a poca distanza da un altro autoveicolo, sono intervenuti bloccando sia il conducente che un passeggero nordafricano e, subito dopo, un altro suo connazionale in vano datosi alla precipitosa fuga nei campi adiacenti dopo aver effettuato lo scambio di stupefacente con una donna scesa dalla vettura degli acquirenti.

Il tempestivo e massivo intervento degli uomini dell’Arma ha così consentito di rinvenire e sequestrare a bordo dell’auto due panetti di cocaina del peso complessivo di 400 grammi, materiale vario per il confezionamento e la somma di 1.775 euro in contanti ritenuta provento dell’illecita attività.

Il conducente del Fiat Qubo –identificato in L.V., 36enne pregiudicato di Mornico al Serio che ha dichiarato di aver dato un passaggio agli extracomunitari in cambio di denaro- è stato deferito all’Autorità Giudiziaria bergamasca per il reato di favoreggiamento personale.

Dopo le formalità di rito i due nordafricani sono stati accompagnati presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia Carabinieri di Treviglio dove resteranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente in attesa della celebrazione del processo con rito direttissimo che avrà luogo nella giornata odierna.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136