Ad
Ad


Lombardia, fondi regionali per nuove assunzioni del personale sanitario

martedì, 2 agosto 2022

Quando:
15 agosto 2022@23:45–16 agosto 2022@00:45 Europe/Rome Fuso orario
2022-08-15T23:45:00+02:00
2022-08-16T00:45:00+02:00

Nuove assunzioni del personale sanitario. Risorse per i medici di medicina generale (MMG), per l’abbattimento delle liste d’attesa, per l’assistenza domiciliare integrata (Adi), per le Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), per il potenziamento della sanità territoriale e per le esenzioni a favore dei pazienti Covid.

Questi i punti cardine del nuovo investimento da circa 288 milioni di euro approvato dalla Giunta regionale, su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, per potenziare e rendere sempre più efficiente il sistema sanitario lombardo.

INVESTIMENTI IN SETTORI STRATEGICI – Gli stanziamenti sono stati decisi in base all’assestamento del fondo sanitario: risorse in parte di provenienza ministeriale e in parte derivanti da accantonamenti che vengono reinvestiti in settori strategici della sanità lombarda.

REGIONE IN CAMPO PER DARE RISPOSTE AI CITTADINI – “L’assestamento del fondo sanitario – spiega la vicepresidente e assessore al Welfare – ci permette di mettere a disposizione risorse ‘fresche’ in alcune ‘voci’ strategiche e di grande attualità nell’organizzazione del nostro welfare, nelle risposte ai cittadini e nella migliore messa a terra possibile della nostra riforma della sanità regionale. Con una attenzione particolare al sostegno dei Medici di Medicina Generale e a potenziamento delle attività rivolte al recupero delle liste di attesa”.

LE PRINCIPALI VOCI DEL FINANZIAMENTO – Ecco alcune delle voci principali all’interno del finanziamento complessivo da circa 288 milioni di euro.

– 84 milioni di euro per l’abbattimento delle liste di attesa

– 77 milioni per il personale sanitario, comprese le nuove assunzioni.

– 52 milioni per il potenziamento dell’assistenza domiciliare integrata (Adi), sviluppando nuove azioni a favore della presa in carico dei pazienti fragili.

– 15 milioni per potenziare e agevolare l’azione dei medici di medicina generale. Le risorse sono destinate alla formazione dei medici, alla loro aggregazione polispecialistica, all’apertura di ambulatori nei territori disagiati e, in generale, nelle zone in cui si registra una carenza di MMG.

– 10,5 milioni per il potenziamento delle attività e dei servizi della salute mentale, della neuropsichiatria infantile e dei disturbi dell’alimentazione.

– circa 15 milioni di euro per il potenziamento delle attività territoriali in attuazione della nuova riforma sanitaria regionale.

– 17,6 milioni per l’attività delle Usca.

– 8,6 milioni per le esenzioni straordinarie a favore dei pazienti Covid.

– 7,6 milioni per il sistema di Areu, l’Azienda Regionale per l’Emergenza e Urgenza, e per le scorte strategiche dei dispositivi di protezione individuale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136