Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Lombardia, dal Corecom un pugno per mettere al tappeto il cyberbullismo

martedì, 4 maggio 2021

Quando:
5 maggio 2021@18:00–19:00 Europe/Rome Fuso orario
2021-05-05T18:00:00+02:00
2021-05-05T19:00:00+02:00

Domani sera, alle 18, in diretta dalla sede del Coni, attraverso le pagine Facebook di Corecom e Federazione pugilistica italiana-Lombardia, verrà trasmesso per la prima volta il video Un pugno al cyberbullismo, un’iniziativa del Corecom Lombardia insieme a Federazione Pugilistica italiana-Lombardia, Coni Lombardia e coordinamento Lombardia di Aias (Associazione italiana avvocati dello Sport).

 

Il video realizzato dal Corecom Lombardia con la Scuola di pugilato Testudo di Cernusco sul Naviglio intende promuovere i valori dello sport e della competizione sportiva leale e rispettosa dell’avversario, che si contrappongono alle forme di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, tipiche del bullismo e del cyberbullismo” ha dichiarato la Presidente del Corecom Marianna Sala nel presentare l’iniziativa.

 

Il pugilato è uno sport che si basa sui principi della responsabilità, dell’integrità della persona, del sano agonismo, del rispetto assoluto dell’altro, del superamento di sé. “Come dimostrato dalla sua storia e dalla sua diffusione, il pugilato si è affermato come uno sport di riscatto sociale e personale, soprattutto per coloro che vogliono conquistarsi una vita migliore – ha dichiarato Massimo Bugada, Presidente del Comitato Regionale Lombardo della Federazione Pugilistica Italiana – . Oggi più che mai la Boxe, che è uno sport autodisciplinare con delle regole molto precise, capace di sviluppare onestà, lealtà e rispetto dell’avversario, principi questi fondamentali nelle prime fasi dell’età evolutiva, che saranno utili agli uomini e alle donne di domani, si propone di intervenire nell’educazione e nell’orientamento dell’aggressività dei giovani partendo dalla volontà di sfruttare le prerogative pedagogiche di questo sport in un’ottica di prevenzione e di contrasto al fenomeno del bullismo”.

 

Siamo molto lieti di supportare questo progetto – conclude Marco Riva, Presidente Coni Lombardia – Attraverso l’educazione ai valori sportivi dobbiamo dire “basta!” al fenomeno del cyberbullismo e più in generale a tutte quelle forme di sopraffazione verbale e fisica che rappresentano un male inaccettabile. Il CONI Lombardia è orgoglioso di poter condividere tutte quelle iniziative volte a valorizzare il ruolo sociale, educativo e di integrazione che lo sport rappresenta”.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136