Ad
Ad


Dolomiti più Note, nuovo appuntamento a Danta di Cadore con la fisarmonicista Francesca Gallo e “Margrando”

mercoledì, 17 agosto 2022

Quando:
20 agosto 2022@11:00–12:00 Europe/Rome Fuso orario
2022-08-20T11:00:00+02:00
2022-08-20T12:00:00+02:00

Nell’ambito della sesta edizione di Dolomiti Più Note, la rassegna musicale promossa dalla Magnifica Comunità di Cadore e dalle Unioni Montane di Centro Cadore, Comelico, e Valle Del Boite, sabato 20 agosto alle ore 11.00, nell’Area Naturalistica delle Torbiere, Danta di Cadore, è in programma “Margrando”, il concerto della “artigiana che canta” trevigiana Francesca Gallo.

“Margrando” nasce dal libro omonimo di Francesca Gallo, pubblicato nel 2021, che racconta il viaggio di ricerca compiuto dall’autrice fra gli emigrati italiani in Belgio e Canada, durante il quale ha recuperato le vecchie storie girando con la bicicletta, un registratore in tasca e spesso con la fisarmonica costruita su misura del bagaglio a mano dal padre: in ogni famiglia le veniva raccontato di qualcuno che era emigrato, così ha deciso di andarli a cercare e di portare a casa le loro storie.

Fisarmonicista fin da bambina, Francesca Gallo si è diplomata in canto lirico nel 2002 al Conservatorio “Agostino Steffani” di Castelfranco Veneto, Treviso. È figlia di Luciano Gallo, storico costruttore di fisarmoniche, e ha trascorso l’infanzia nella bottega del padre, condividendo la passione per la musica tradizionale. Alcuni anni fa Francesca ha deciso di riportare in vita la bottega del padre e salvare un mestiere che altrimenti sarebbe andato perduto: dal 2011 ha rifondato i marchi di produzione Galliano & Ploner dando vita alla bottega omonima alle porte del centro storico di Treviso.Oggi è definita folk singer, musicista, etnomusicologa, storica, artigiana, maestra, la voce del Sile, forse perché è difficile trovare un termine unico che la definisca. Fisicamente invece è semplice da identificare con la sua inseparabile fisarmonica che fu albero di pero e che la accompagna fedelmente da anni.

L’Area Naturalistica delle Torbiere si trova su un altipiano soprastante il paese di Danta e per il numero di specie rare presenti e lo stato di conservazione rappresenta uno dei siti di maggiore rilevanza floristico-vegetazionale del Veneto. La location, immersa completamente nello scenario delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità, è facilmente raggiungibile da Auronzo di Cadore attraverso il Passo San Antonio, oppure dalla Val Comelico.

Gli appuntamenti successivi. Sabato 27 agosto al Rifugio Scotter di San Vito di Cadore si potrà ascoltare il concerto “Dalle Dolomiti alla Laguna” di Roberto Tombesi (amandola, organetto, percussioni e voce) e Andrea Da Cortà (mandolino, concertina, flauti, cornamusa e voce).
Ancora note sabato 3 settembre al Rifugio De Doo (Costa di San Nicolò, Comelico), con “Il cinema suonato. Da Amarcord a Titanic” proposto da Marco Fedalto, pianoforte, Fabrizio Nasetti, tromba e corno, Francesca Miuzzi, percussioni, e Mario Roveda, violoncello.
Sabato 10 settembre gran finale alla Malga Ciauta di Vodo di Cadore con “Musica contromano. Vite contromano e personaggi capaci di piccoli e meravigliosi gesti”, un concerto di Lorenzo Monguzzi (chitarra e voce), storico leader del gruppo I mercanti di liquore, conosciuti per le riletture dei brani di Fabrizio De Andrè e la collaborazione con Marco Paolini, e Alex De Simoni (voce, fisarmonica e strumenti giocattolo). La mattinata sarà accompagnata da musiche nate e cresciute in provincia, per descrivere un mondo di periferia che orgogliosamente difende la propria identità.

Info: http://www.magnificacomunitadicadore.it/cadore/eventi/406/le-dolomiti-piu-note-2021.html



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136