Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Levico Terme: due ubriachi camminano sui binari e minacciano carabinieri, arrestati

venerdì, 1 novembre 2019

Borgo Valsugana – I militari della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnati nei servizi di controllo del territorio, intensificati in occasione della festa di Halloween, coordinati dal Comando Provinciale di Trento, hanno arrestato due persone per ubriachezza molesta, resistenza, violenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

I militari del Radiomobile sono stati allertati dalla centrale operativa nella serata di ieri per un intervento su alcune persone verosimilmente ubriache che camminavano sui binari del treno nella stazione ferroviaria di Levico Terme.

I due, fratelli (30 e 24 anni) di Borgo Valsugana, alla vista dei carabinieri, senza alcun motivo, hanno iniziato ad inveirgli  contro, minacciandoli di morte e cercando di colpirli, sferrando calci e pugni.

Ma la professionalità e l’esperienza dei militari nonché l’intervento tempestivo di una seconda pattuglia ha impedito che la situazione degenerasse, consentendo di riportare alla “calma” i due giovani e, poi, di arrestarli. A termine delle operazioni, gli stessi sono stati condotti presso il loro domicilio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa della direttissima.

I controlli dei Carabinieri volti a contrastare l’abuso di alcol e sostanze stupefacenti continuano anche dopo Halloween. L’Arma del Trentino è impegnata anche, attraverso gli incontri con gli studenti e la popolazione, a  sensibilizzare l’intera comunità ad evitare gli abusi di droghe e di alcol, promuovendo stili di vita sani e responsabili per riconoscere e combattere quelli vita a rischio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136