Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Coprifuoco nazionale e chiusura per zone: oggi la decisione. Appello di medici e ricercatori: "Scelte mirate e scuole aperte"

Brescia - Si va verso un coprifuoco nazionale: in attesa della firma del Dpcm, è quanto sarebbe stato deciso stamattina nella riunione del premier Giuseppe Conte con i capidelegazione. In mattinata il vertice tra il governo e le Regioni per tentare di trovare una linea comune sulle nuove misure da adottare per frenare la nuova ondata del Covid. L'ipotesi di un lockdown totale per le aree a rischio prende corpo ma vede molti territori opporsi: la Lombardia e altre zone rosse vedrebbero la chiusura di negozi, bar, ristoranti e tutte le altre attività (parrucchieri e altri servizi).

Il premier renderà comunicazioni alla Camera alle 12 e al Senato alle 18 prima della firma con la decisione finale.


APPELLO DI MEDICI E RICERCATORI


Intanto, un appello è giunto da medici e ricercatori di fama internazionale con la richiesta di intervenire subito con chiusure nelle aree più a rischio, potenziare test e tracciamento, mantenere aperte le scuole per i ragazzi fino ai 14 anni.


12 tra i più importanti medici e ricercatori italiani, contenute in un documento inviato al governo e ai membri del Comitato Tecnico Scientifico, si schierano in vista della firma del nuovo DPCM prevista per oggi. Il testo, sottoscritto tra gli altri da Antonella Viola, immunologa dell’Università di Padova, e Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria dell’Università di Parma e consulente dell’OMS, si sottolinea la gravità della situazione in Italia: “Tutti i dati confermano la forte criticità della diffusione di SARS-CoV-2 nel Paese. La maggior parte delle Regioni italiane presenta le caratteristiche descritte nello scenario n. 4 del Piano redatto dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità”. Questo quadro, continuano gli autori del documento, “impone azioni restrittive da attuarsi rapidamente”.

Ultimo aggiornamento: 02/11/2020 11:36:18
POTREBBE INTERESSARTI
Già presentato, assumerà il ruolo il prossimo 1 giugno
Predazzo (Trento) - Sono otto le offerte per la realizzazione del padiglione Musto del Villaggio olimpico presso la...
Il programma degli appuntamenti che danno voce alle imprese e istituzioni locali della provincia
Edolo (Brescia) - Doppio appuntamento per il Polo Unimont, uno a Edolo e l'altro a Roma. Il primo è in calendario domani...
E' la decana del Sebino, mitragliata nel 1944 con i simboli e le chiodature rimaste fino ad oggi
ULTIME NOTIZIE
Il 38enne milanese con altri tre amici era salito dalla Diavolezza
Programma e percorso della manifestazione del 26 maggio
Migliaia di persone fin dalle prime ore della mattina