Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Avio e Storo, feste dei vigili del fuoco

domenica, 8 dicembre 2019

Avio – C’era un motivo in più quest’anno ad Avio per festeggiare Santa Barbara patrona dei vigili del fuoco: una grande festa per accogliere una promessa, quella dei nuovi “pompieri” che sabato, nella caserma del centro della Bassa Vallagarina, hanno sancito con un giuramento il loro impegno come volontari. Una cerimonia semplice ma profonda, simbolo di una tradizione che si tramanda tra generazioni.

avLa “promessa” è quella fatta da tre ragazzi tra i 13 ed i 14 anni che già da un anno frequentano la compagine guidata dal comandante Franco Rudari ed ora si impegnano formalmente a proseguire il loro percorso da allievi. Ma altrettanto significativa la consegna della “mostrina”, del regolamento e delle chiavi della caserma ad altri sette giovani, tra i 18 ed i 22 anni, che, superate le prove attitudinali, si accingono a concludere il corso base per diventare a tutti gli effetti vigili del fuoco volontari.

Alla cerimonia, accanto al sindaco Federico Secchi, è intervenuto anche il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti che ha espresso ai giovani la vicinanza dell’amministrazione provinciale.

“Voi Vigili – ha detto Fugatti ricordando che un anno fa il suo esordio da presidente della Provincia è di fatto avvenuto nella sala operativa dove la protezione civile stava gestendo l’emergenza Vaia – siete un esempio di valori civici e rappresentate un presidio fondamentale per il nostro territorio. Lo abbiamo visto durante la tempesta dell’ottobre 2018, che mi ha consentito di conoscere ed apprezzare quell’incredibile macchina che è la protezione civile. Ma lo dimostrate quotidianamente con la vostra dedizione e il vostro impegno. Qui ci sono i veri valori del Trentino, quelli della solidarietà, quelli del volontariato, quelli della stessa autonomia. Tutti i cittadini ve ne sono grati ed il grazie va esteso anche alle vostre famiglie che appoggiano la vostra scelta di dedicare tempo ed energie per il prossimo, spesso affrontando rischi e pericoli”.

Anche il sindaco Secchi ha sottolineato l’importanza del momento, che sancisce la volontà di tramandare di generazione in generazione questa antichissima tradizione del volontariato pompieristico. Davanti a lui ed al comandante i sette giovani vigili del fuoco hanno prestato giuramento: andranno a breve a rafforzare il Corpo che attualmente conta 28 effettivi.

A Storo la Festa del Vigili del Fuoco volontari

Un’occasione per fare comunità ma soprattutto per far conoscere l’attività portata avanti dai Vigili del Fuoco di Storo. Sono stati tante ieri le persone che hanno voluto stringersi attorno ai volontari, visitare la caserma, i mezzi e le attrezzature in dotazione al Corpo, partecipare a una vera e propria festa.

Accolto dal comandante Alessandro Giacco, il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento Mario Tonina ha voluto esprimere ai Vigili del Fuoco la vicinanza della Giunta provinciale: “Siete i custodi delle nostre comunità, esempio di responsabilità e senso civico. Grazie alla vostra dedizione portate avanti i valori del nostro Trentino che vedono nel volontariato uno dei punti di forza. I cittadini sanno sempre di poter contare su di voi, sempre pronti ad intervenire quando c’è bisogno. Lo abbiamo visto in modo straordinario con la tempesta Vaia, ma lo vediamo quotidianamente, giorno dopo giorno”.

Accanto al vicepresidente Tonina vi erano anche il sindaco di Storo Luca Turinelli, il presidente della Federazione dei Vigili del Fuoco volontari Tullio Ioppi e il consigliere provinciale Alex Marini. Il pomeriggio di porte aperte alla caserma si è chiuso con la messa celebrata da don Andrea Fava nella Chiesa parrocchiale di San Giovani Nepomuceno a Darzo e quindi con un momento conviviale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136