Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Violenza sessuale aggravata, arrestato dalla Polizia di Stato

Il 31enne è stato rinchiuso nel carcere di Bolzano

Bolzano - A seguito di richiesta di intervento urgente pervenuta alla Centrale Operativa della Questura sul numero di emergenza “112 NUE”, gli equipaggi della Squadra “Volanti” della Polizia di Stato sono stati inviati in via Fago a Bolzano in quanto la donna che aveva effettuato la richiesta aveva riferito che, mentre si stava recando al lavoro, giunta all’altezza della fermata dell’autobus nei pressi dell’incrocio con via Sarentino, aveva suo malgrado assistito ad un episodio che l’aveva sconvolta.

Nello specifico, la donna aveva notato che un uomo di origine africana si era avvicinato a due ragazzine giovanissime, le quali, nel momento in cui questo individuo si era avvicinato a loro, avevano iniziato ad urlare terrorizzate, per poi scappare in direzione del “nonno vigile” che si trovava nelle immediate vicinanze.

Il soggetto, dopo essersi allontanato dalle due ragazzine, probabilmente infastidito dalle loro urla ritornava sui suoi passi per seguirle, incurante del fatto che il “nonno vigile” gli aveva intimato di andarsene altrimenti avrebbe chiamato la Polizia.

Le ragazzine, in preda al panico per la situazione che stavano subendo, avendo notato la presenza della donna che poi ha allertato la Polizia, le andavano incontro di corsa con il chiaro intento di trovare un aiuto, riferendole di essere state entrambe pesantemente e ripetutamente palpeggiate nelle parti intime, in maniera intenzionale, da uno straniero sconosciuto.

A questo punto il malvivente decideva di allontanarsi in direzione di via Gries, non prima che la donna riuscisse a scattare con il proprio telefono cellulare una fotografia del soggetto, immediatamente diramata a tutte le Pattuglie.


Una volta messe in sicurezza le due ragazzine, aver cercato di tranquillizzarle ed averle affidate alla madre, nel frattempo fatta giungere sul posto, gli Agenti delle “Volanti” iniziavano le immediate ricerche di colui che si era reso responsabile di questi riprovevoli atti di violenza.

Dopo circa un’ora di controlli e ricerche, una Pattuglia della Polizia di Stato riusciva ad individuare il soggetto in via Cesare Battisti, mentre lo stesso cercava di eludere il controllo di polizia dandosi alla fuga in direzione Corso Italia. Raggiunto e bloccato, il 31enne veniva condotto presso gli Uffici di Largo Palatucci per il prosieguo delle indagini.

Qui, una volta formalizzato in denuncia il racconto di quanto accaduto da parte delle ragazzine, alla presenza della madre, ed avuta la conferma dei fatti ufficializzata dalla donna che le ha soccorse, gli Agenti della Polizia di Stato decidevano di emettere a carico del soggetto - S. U., 31enne cittadino nigeriano clandestinamente presente sul territorio nazionale e con a proprio carico precedenti penali e di Polizia anche specifici, per reati quali violenza sessuale, lesioni personali e minacce, percosse e minacce ai danni di una donna, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale, percosse, danneggiamento e tentata rapina – un fermo per il reato di violenza sessuale aggravata.

Oltre alla gravità del reato, infatti, è stato ritenuto altamente probabile il pericolo di fuga, dovuto al fatto che al momento del controllo è stato impossibile procedere ad un’esatta identificazione del fermato, il quale, essendo un soggetto che vive di espedienti, si è rifiutato di fornire un valido documento di identità, ha riferito di non svolgere alcuna attività lavorativa, di alloggiare occasionalmente presso un Centro emergenza freddo e di non avere una fissa dimora.

Al termine degli atti di Polizia Giudiziaria, l’arrestato veniva condotto presso la Casa Circondariale di Trento a disposizione della Procura della Repubblica bolzanina. In considerazione della gravità dei fatti riscontrati, ed in parallelo con l’iter processuale, il questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori ha emesso nei confronti del 31enne un decretp di espulsione dal territorio Nazionale, che diverrà operativo non appena costui avrà saldato il suo debito con la giustizia.
Ultimo aggiornamento: 15/06/2024 00:08:16
POTREBBE INTERESSARTI
Ric4rche in corso da parte dei vigili del fuoco di Riva del Garda
A causa di un incidente ad Artogne, strada chiusa in mattinata
Bolzano - La Squadra Mobile, a seguito di diverse denunce di furti commessi nei negozi all’interno dei centri...
ULTIME NOTIZIE
Valsugana (Trento) - Dopo qualche anno di assenza, ieri sera la bellezza del Concorso Miss Italia è tornata ad essere...
Monno (Brescia) - Una scritta con vernice rossa, il cippo che ricorda i caduti delle Seconda Guerra Mondiale è stata...