Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Breno: due nuovi video raccontano il formaggio Silter Dop

martedì, 19 maggio 2020

Breno – Prosegue il viaggio nella Valle Camonica e i territori dove viene prodotto il Silter Dop: il Consorzio Silter Dop, presieduto da Oscar Baccanelli, eletto nell’assemblea di fine febbraio, con direttore Oliviero Sisti, ha presentato con la regia di Fabrizio Zanotti e la voce di esperti una docu-serie sul formaggio tipico della Valle Camonica e del Sebino.

Due nuovi video
Dopo aver realizzato nel 2019 le prime tre puntate, ora sono stati realizzati il quarto e il quinto video (sotto © Consorzio Silter Dop) sentendo le voci di un settore importante della Valle Camonica dove vengono raccontati la stagionatura e il disciplinare di un formaggio che è sempre più apprezzato dal pubblico. La quarta puntata – un video di 3 minuti e 6′ – è sul fieno: accanto al direttore Oliviero Sisti spiccano i racconti del botanico Innocenzo Bona e dei produttori Giambattista Bilabini ed Enzo Zanotti. Invece il video della quinta puntata – 3 minuti e 5′ – il racconto del botanico Innocenzo Bona, e dei produttori Giambattista Bilabini, Giambattista Zanotti e Morena Antonioli è sulla stagionatura, produzione e disciplinare del  Silter Dop. 

VIDEO

VIDEO

silter dopIn Valle Camonica e nel Sebino Bresciano la produzione di formaggio Silter Dop ha un ruolo determinante per il mantenimento del reddito, la salvaguardia dell’ambiente e la promozione del territorio. La tutela del Silter passa anche attraverso attività di ricerca mirate al miglioramento del processo produttivo nel rispetto della tradizione.

Le origini - La produzione del “Silter” vanta antiche origini come antica è la tradizione zootecnica della sua zona di produzione. Le sue eccellenti caratteristiche organolettiche e il rispetto e l’attenzione che le popolazioni locali nutrono da sempre per tutto ciò che è tradizione, hanno contribuito a far sì che questo formaggio continui ad essere prodotto anche ai nostri giorni nei numerosi caseifici di fondo valle e di alpeggio della zona di produzione, con metodiche tramandate dai casari di generazione in generazione.

Gran parte dei caseifici che oggi producono Silter Dop allevano bovini e producono formaggi da generazioni e dopo il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta si è registrata una crescita d’attività e d’interessa da parte del pubblico.

La vocazione - La Valle Camonica ed il Sebino si propongono da sempre quale territorio a forte vocazione lattiero-casearia. La produzione è ovviamente ricca di numerosi prodotti che da sempre hanno arricchito le tavole, ma forse, il prodotto che più le ha nobilitate è proprio il Silter Dop che con la sua lunga conservabilità risponde ed ha risposto nel tempo in modo più soddisfacente alla finalità della caseificazione, ovvero alla conservazione delle proprietà nutrizionali di un prodotto tanto ricco, quanto poco conservabile, qual è il latte.

Nell’ottica di un recupero e mantenimento del patrimonio produttivo-tradizionale è nato il “Consorzio dei Produttori per la Tutela del Formaggio Silter Dop”, punto di riferimento non solo per la Valle Camonica e Sebino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136