Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Accordo per manutenzioni al Sentiero fluviale in Valle Camonica

sabato, 26 settembre 2020

Darfo Boario Terme – In Valle Camonica accordo per la manutenzione del Sentiero fluviale dell’Oglio tra Darfo, Esine e Piancogno. Qualche anno fa la Comunità montana ha realizzato, lungo il fiume Oglio, il Sentiero fluviale, strappando molte aree a ridosso del corso d’acqua dall’abbandono e da decenni di incuria. Quelle porzioni di territorio sono state poi cedute dal Demanio in concessione all’ente comprensoriale, che ha realizzato il tracciato con l’intento di trasformalo dapprima nel “giardino dei camuni” e quindi, nella porzione più a sud, nel parco agricolo del fiume Oglio.

chicos2La bellezza dei luoghi e la ricchezza naturale continuano ogni anno a richiamare decine di migliaia di persone lungo gli argini del fiume. Per offrire nel tempo una corretta manutenzione della rete sentieristica di fondovalle fruibile a fini escursionistici, turistici e didattici sono necessarie impegnative operazione di manutenzione. Al fianco della Comunità montana, da qualche anno, c’è l’associazione Los Chicos Buenos di Montecchio di Darfo, che si occupa della manutenzione ordinaria del Sentiero fluviale tra Darfo e aree limitrofe.

chicosIl sodalizio, guidato da Pablo Putelli, nell’ultimo triennio ha svolto con impegno e passione attività di sorveglianza, manutenzione ordinaria e gestione di alcuni tratti. Vista l’esperienza maturata, la Comunità montana ha deciso di rinnovare la convenzione con l’associazione per la manutenzione ordinaria del Sentiero fluviale tra Esine, Piancogno e Darfo. Nello specifico le attività che i volontari di Los chicos buenos dovranno effettuare sono: sfalcio periodico e ripulitura del sentiero e di altre aree dalla vegetazione e dalle ramaglie, regolare raccolta dei rifiuti, pulizia delle canalette delle acque, sistemazione di sassi che ostacolano la percorribilità dei sentieri e altre attività manuali per consentire un’adeguata percorribilità dei tracciati e delle aree. In parallelo l’associazione dovrà organizzare iniziative di valorizzazione culturale sui temi della riqualificazione e tutela dell’Oglio.

“La collaborazione negli anni 2017-2019 con questa associazione è stata positiva – dichiara l’assessore Mirco Pendoli -, ha dimostrato una grande azione di cittadinanza attiva. La cooperazione tra pubblico e privato si dimostra, ancora una volta, vincente e ci permette di offrire a residenti e turisti un’area naturale bella, fruibile e con caratteristiche di biodiversità sempre in ordine. L’azione dei volontari consente così d’incrementare i servizi e accrescere la conoscenza e il rispetto dell’ambiente”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136