Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Marchio Qualità Trentino anche per aceti e sidri di frutta

sabato, 16 maggio 2020

Trento – Aceti e sidri di frutta entrano a far parte del Marchio Qualità Trentino. Lo ha deciso la Giunta provinciale, su proposta dell’assessore all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli, approvando il Disciplinare di produzione.

meleti agricoltura“Il marchio di qualità ci consente di assicurare la riconoscibilità dei prodotti agroalimentari territoriali ad elevato standard di eccellenza – commenta l’assessore Zanotelli -, oltre a rivestire un ruolo fondamentale per la promozione dell’agricoltura. L’estensione della Qualità Trentino a una nuova categoria, quella dei sidri e degli aceti di frutta, va proprio nella direzione di una maggiore tutela della nostra agricoltura e di un progressivo rafforzamento dei nostri prodotti e della loro riconoscibilità. Un passaggio ancora più importante in questo peculiare momento storico, nel quale siamo chiamati tutti a maggiore responsabilità anche in ciò che consumiamo. Con un gesto semplice, come quello della scelta di acquisto, possiamo e dobbiamo sostenere la nostra filiera agroalimentare, le nostre aziende trentine e, più in generale, la nostra economia”.

Il legame territoriale delle produzioni a “marchio di qualità con indicazione di origine” è assicurato dai disciplinari, che stabiliscono la lavorazione dei prodotti nel territorio della provincia di Trento, ed è rafforzato dal vincolo di coltivazione della materia prima nello stesso territorio.

Il provvedimento adottato si basa sul lavoro del Comitato tecnico Qualità Trentino a cui compete la predisposizione dei disciplinari da proporre all’approvazione dell’esecutivo. Nei disciplinari vengono individuati criteri di qualità oggettivi, selettivi e più rigorosi delle norme commerciali correnti.

I prodotti oggetto del disciplinare utilizzano principalmente frutta di pomacee, drupacee e frutti minori a bacca e si caratterizzano per essere ottenuti direttamente dalla lavorazione della materia prima fresca senza l’uso di concentrati o semilavorati e senza l’utilizzo di additivi, inoltre gli aceti di frutta si qualificano per l’utilizzo di soli mezzi meccanici per la chiarificazione, mentre i sidri di frutta non prevedono l’aggiunta di CO2 per la spumantizzazione ed è prevista la possibilità di utilizzare lieviti autoctoni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136