QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

In Trentino l’Agenda Digitale è realtà

giovedì, 26 settembre 2013

Trento – L’Agenda Digitale è una delle sfide più importanti che nei prossimi anni attende l’Italia, come nazione in grado di offrire a cittadini ed aziende strumenti innovativi e tecnologicamente avanzati, in grado di aumentare il livello di competitività del sistema nazionale. Il check-up digitale del Trentino, condotto in accordo alla metodologia sviluppata da Telecom Italia nel rapporto “Italia Connessa” che offre un’analisi delle realtà regionali italiane in riferimento alla diffusione della Rete e ai servizi garantiti sul territorio, conferma l’ottimo posizionamento del Trentino in settori quali la pubblica amministrazione e la sanità, oltre alla diffusione della connessione in larga banda (20Mbit/sec.), garantita al 99 per cento della abitazioni. Delle prospettive e dei cambiamenti che attendono il Trentino nel quadro del Sistema Italia si è discusso oggi a Trento in occasione del convegno “Italia connessa. Trentino e innovazione, perché il digitale non resti solo in Agenda”. I lavori hanno visto la partecipazione – tra gli altri – del presidente della Provincia autonoma di Trento; del presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè; e di esperti nazionali.digitale innovazione tecnica

A Trento sono stati presentati i primi risultati e le indicazioni provenienti dall’attività di check-up digitale, svolta dalla Provincia autonoma di Trento con il supporto di Telecom Italia. L’occasione è stata offerta dalla giornata di studi “Italia Connessa. Trentino e Innovazione, perché il digitale non resti solo in Agenda”, organizzata dalla Provincia autonoma di Trento in collaborazione con Telecom Italia. L’evento – è questa l’opinione condivisa anche dal presidente della Provincia autonoma di Trento – rappresenta l’opportunità di un primo consuntivo delle attività della Provincia autonoma di Trento per la diffusione delle tecnologie e dei servizi digitali. L’occasione offre importanti indicazioni per rilanciare la roadmap e le sfide future che attendono il Trentino: la diffusione del digitale sul territorio garantirà al sistema Trentino maggiore competitività su un mercato sempre più globale.

“Telecom Italia – ha dichiarato Franco Bernabè, Presidente di Telecom Italia – vuole contribuire in modo concreto ad accelerare il processo di digitalizzazione del Paese, coerentemente con gli obiettivi indicati dall’Agenda Digitale. Siamo convinti che ciascuna Regione debba costruire la propria Agenda Digitale partendo dalla piena consapevolezza delle eccellenze e dei ritardi nel territorio. Per questo motivo, attraverso l’iniziativa Italia Connessa e il ‘check-up digitale’, intendiamo affiancare le Amministrazioni centrali e locali nelle riflessioni e nelle scelte di innovazione digitale per il miglioramento della competitività e dell’attrattività dei loro territori”.
L’analisi degli indicatori mostrano, anche nel confronto con le altre regioni italiane, l’ottimo posizionamento del Trentino nei servizi digitali messi a disposizione della Pubblica amministrazione, in particolare, la sanità. Margini di miglioramento sono registrabili nel mondo delle aziende, dove si evidenzia la scarsa penetrazione dell’e-commerce nelle imprese. In altri casi, il parziale ritardo è compensato dalle azioni attuate dalla Provincia autonoma di Trento che permettono di migliorare sensibilmente il posizionamento del Trentino. Ad esempio, grazie al progetto ADSL2+, il Trentino sarà, entro l’anno, l’unica regione italiana ad avere oltre il 99% delle abitazioni coperte da una connessione fino a 20Mbit/sec.

Nei mesi scorsi, il gruppo di lavoro ha effettuato una mappatura di circa 100 progetti di utilizzo delle ICT in Trentino, analizzando il loro contributo alla copertura delle aree tematiche dell’Agenda Digitale Italiana e al raggiungimento dei suoi obiettivi. In diversi ambiti, questa mappatura ha mostrato una ottima copertura delle aree tematiche dal parte della Provincia autonoma di Trento che in alcuni casi si è mostrata capace di attuare in modo operativamente più tempestivo soluzioni avanzate nello scenario nazionale. In Trentino sono attivi da tempo servizi innovativi basati sulle nuove tecnologie digitali: il portale dei servizi online, punto unico di accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione trentina; l’estensione a tutti i settori economici della possibilità di presentare le domande di incentivo in modalità telematica; il protocollo interoperabile tra gli enti pubblici del Trentino (PiTre); e il Centro Servizi Territoriale – disegnato sul concetto del community cloud – che facilita l’accesso a servizi innovativi da parte di qualsiasi attore del sistema pubblico trentino. I cittadini trentini utilizzano già in via sperimentale la prescrizione farmaceutica digitale, e accedo direttamente alla gestione del catasto, e a servizi di mobilità integrata. Questo ecosistema digitale pervade già oggi la quotidianità ed è stato realizzato attraverso a due società pubbliche: Informatica Trentina e Trentino Network. L’analisi del check-up digitale è stata estesa al di fuori della Pubblica amministrazione, approfondendo alcuni settori produttivi (agricoltura, commercio, turismo) e servizi al cittadino (sanità e istruzione), attraverso 6 workshop tematici.
Questi ultimi hanno consentito di rappresentare, in modo anche quantitativo, gli investimenti a sostegno dell’introduzione e della diffusione del digitale nelle “filiere” di attività in Trentino. Nel settore dell’Istruzione, sono distribuite oltre 2 mila Lavagne interattive multimediali, distribuite nelle scuole e in circa 3.000 aule, con un bacino di oltre 60 mila studenti. Nel corso del biennio 2012/2013 sono stati formati oltre 1500
docenti su temi connessi alle ICT

In ambito sanitario, in Trentino sono 16,4 milioni di referti digitalizzati, con 8 milioni di accessi annui agli stessi, grazie ad una rete digitale che raccoglie tutti i medici di medicina generale.

Un altro settore in cui la digitalizzazione ha segnato importanti passi in avanti è il turismo, quasi gran parte delle prenotazioni avviene online: Visittrentino è tra i primi siti turistici in Italia con 6 milioni accessi annui, mentre la pagina Facebook ha raccolto oltre 70 mila fans.

In agricoltura, ben 2 mila delle 15 mila aziende agricole sono passate in 2 anni alla gestione informatizzata del “quaderno di campagna”, strumento di certificazione della qualità del prodotto, così come le comunicazioni tra Consorzi e Produttori si svolgono di fatto in maniera informatizzata.

Infine, la PAT è al terzo posto in Italia per numero di set di dati pubblici resi disponibili secondo il paradigma degli Open Data, ed ha lanciato nell’ultimo anno una importante iniziativa per lo sviluppo di start-up innovative.
Il check-up digitale è stata l’occasione per una riflessione complessiva sulla diffusione della conoscenza e dell’uso del digitale che rappresenta la scelta strategica fondamentale per il futuro del Trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136