Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Affreschi gotici a Cles: l’appuntamento

lunedì, 17 agosto 2020

Cles – ‘Affreschi gotici a Cles: i cicli delle chiese di Pez, Dres e Maiano’: prosegue con questo appuntamento insieme a Marcello Nebl e Lucia Barison di giovedì 20 agosto la rassegna ‘Le cinque chiavi gotiche e altre meraviglie’. L’appuntamento è fissato per le 20.30 a Palazzo Assessorile di Cles (Trento).

Cles 1Partecipazione gratuita su prenotazione fino al raggiungimento del numero massimo di persone stabilito per lo spazio ospitante. Info e prenotazioni al numero 0463 662091 oppure scrivere a cultura@comune.cles.tn.it entro le ore 16 del giorno stesso dell’evento.

Durante la serata verrà illustrato il panorama storico artistico del capoluogo noneso con particolare focus sulla chiesa di San Vigilio a Pez, allo scopo di fornire – non a caso – le chiavi di lettura per “decriptare” il patrimonio pittorico presente nelle chiese di Cles e delle sue frazioni storiche.

Si parlerà di “cultura dell’immagine” a partire dal XIII, un periodo che – come si vedrà – si intreccia con l’avventura del Gotico e con la fitta trama che legava quest’ultimo al Principato vescovile di Trento tra i Primi decenni del Trecento e parte del Quattrocento, lasso di tempo nel quale in Trentino e in Val di Non si svolse una feconda attività decorativa di chiese.

La Valle dell’Adige, era punteggiata da significative presenze di cultura giottesca, nonostante la visione degli artisti tendeva a restare ancorata agli antichi stilemi della tradizione romanica, realizzando quindi, una commistione di elementi propri del linguaggio innovativo avanzato da Giotto con arcaismi caratteristici della pittura italiana. Ed è in tale contesto storico-culturale che nascono gli affreschi delle chiese del capoluogo e, in specifico, di quella di San Vigilio nel rione di Pez, le cui decorazioni coprono un arco di tempo che va dagli inizi del Trecento in poi, una sorta di piccola “bibbia” del linguaggio gotico e della sua evoluzione negli anni.

A seguito della serata sarà possibile visitare con i relatori, Lucia Barison e Marcello Nebl, la mostra presso il Palazzo. L’evento si terrà nel rispetto delle misure anti contagio e pertanto è necessario prenotare il proprio posto chiamando lo 0463 662091.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136