Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Sci, Nadia Fanchini e compagne da San Pellegrino con vista olimpica

martedì, 30 gennaio 2018

Passo San Pellegrino – Val di Fassa passaggio olimpico. In attesa dell’evento a cinque cerchi in programma dal 10 al 23 febbraio a Pyeongchang le nazionali di sci alpino italiane e straniere continuano la loro preparazione sulle piste azzurre della Val di Fassa, training center della Fisi dal 2006 ma pure sede dei campionati mondiali junior che si disputeranno fra 12 mesi proprio sui tracciati della valle ladina trentina (foto di Ralf Brunel).

nadia fanchiniLunedì e martedì si sono allenate a Passo San Pellegrino sulle piste La VolatA e Cima Uomo le ragazze delle discipline veloci Nadia Fanchini, Johanna Schnarf, Nicol Delago, Verena Stuffer, Federica Sosio ed Anna Hofer, mentre Sofia Goggia ha preferito non forzare a seguito del dolore al ginocchio in vista del fine settimana veloce a Garmisch, ultimo appuntamento prima della Corea.

Le ragazze, seguite dal capo allenatore del settore femminile Matteo Guadagnini, ma pure dagli altri tecnici Giovanni Feltrin, Michael Mair, Marco Viale, dal preparatore Luca Scarian, dal fisioterapista Giacomo Radici e ai due skiman Davide Lugon e Patrick Dorfmann, hanno svolto training di discesa libera, superG e pure slalom gigante.

Oltre alla squadra italiana era presente pure il team Francia, che è allenato dall’ex gigantista azzurro Alberto Senegaliesi, nel dettaglio Romane Mirandoli, Jennifer Piot, Tiffany Gauthier e Laura Gauche, che hanno apprezzato la qualità delle piste trentine.

Portavoce delle azzurre è stata la veterana Nadia Fanchini: “Qui in Val di Fassa riusciamo sempre a svolgere un grande lavoro tecnico. Ci mettono a disposizione tutto quello che serve. Siamo pronte in vista di Garmisch e delle Olimpiadi coreane. Personalmente arrivo in una forma in crescendo. Dopo l’infortunio dello scorso anno non era facile per me recuperare condizione e motivazioni ma siamo sulla buona strada. Ne è la testimonianza il terzo posto a metà gennaio a Bad Kleinkirchheim. La pista olimpica non la conosco perché alle finali non c’ero per infortunio, io come sempre darò il massimo”.

In ottima forma è invece l’altoatesina Johanna Schnarf: “Finora è stata una buona stagione con tanti piazzamenti nelle posizioni di vertice e soprattutto un secondo posto in discesa a Cortina. La condizione è buona e spero di esprimermi al meglio anche in Corea, su una pista che ho testato lo scorso anno e che si addice alle mie caratteristiche, ma dovrò metterci del mio”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136