Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Nazionale sci d’erba a Lavarone: il sogno è la Coppa del Mondo nel 2021

martedì, 30 giugno 2020

Lavarone – Lavarone con il centro di Malga Rivetta, località che da più di un lustro ogni estate ospita competizioni con validità nazionale e internazionale della specialità dello sci d’erba, è tornato in prima linea lo scorso fine settimana ospitando un raduno della nazionale italiana. Il direttore tecnico Fisi Fausto Cerentin, con un gruppo di azzurri, da venerdì 26 a domenica 28 giugno hanno svolto un prezioso lavoro tecnico sulla pista Malga Rivetta che si è presentata con significative modifiche tecniche realizzate dalla società Lavarone Ski.

sci erba BuioAgli ordini del tecnico perginese Roberto Parisi si sono allenati atleti del gruppo giovani ed alcuni rappresentanti della squadra A come Lorenzo Gritti (vincitore per tre anni consecutivi della coppa del mondo di specialità nello slalom e Antonella Manzoni (lo scorso anno terza nella generale di Coppa del Mondo. Nutrita anche la presenza di atleti trentini, in particolare Ambra Gasperi dello Ski Team Pinzolo (squadra A), Daniele Buio dello Sci club Città di Rovereto (foto), Nicolò Libardoni dello Sci club Panarotta, Alessandro Martinelli ed Alex Galler dello sci club Levico. A completare il gruppo di lavoro gli altri azzurrini Marco Combi, Marco Milesi, Roberto Cerentin, Otto Pasini, Nicolò Pettini, Giorgia Rosita Grassi e Nicole Mastalli.

Uno stage che si è potuto concretizzare anche grazie alla disponibilità dello Sci club Levico, sodalizio di riferimento per lo sci d’erba in Trentino anche dal punto di vista organizzativo, che ha coordinato il fine settimana di preparazione. Un fiore all’occhiello per il Comitato Trentino della Fisi, che non ha mancato di apprezzare il raduno tramite il segretario del Consiglio Regionale Ruggero Carbonari, presente a bordo pista.

“Abbiamo svolto un lavoro eccellente – evidenzia il tecnico trentino Roberto Parisi – grazie ad una pista ottimamente preparata dallo sci club Levico e dallo staff di Lavarone Ski, ai quali va un ringraziamento speciale. Gli atleti hanno gradito l’ottimo fondo della pista, ma pure l’allungamento e l’allargamento in alto del tracciato. I ritiri tecnici proseguiranno nelle prossime settimane e per tutto il mese di luglio in attesa di una possibile ed attesa ripresa della fase agonistica della nostra disciplina. Siamo in attesa di un ok per tornare al cancelletto, presumibilmente le gare di Coppa del Mondo e nazionali dovrebbero iniziare ad agosto”.

Lavarone crede molto e sta investendo nel progetto centro federale FISI sci d’erba, soprattutto nell’ottica di poter organizzare una tappa di Coppa del Mondo già nel 2021, come spiega lo stesso Parisi, che è pure omologatore internazionale di piste: “La società Lavarone Ski recentemente ha realizzato lavori significativi sia sulla pista Malga Rivetta sia sulla pista Vezzena sull’altro versante. In particolare quest’ultimo tracciato è stato livellato nella parte finale creando una zona parterre importante, con l’allestimento pure di un nuovo tapis roulant di 130 metri. È così diventata una pista di 1 km ed è uno dei tracciati più lunghi al mondo per il grass ski. Proprio per questo motivo in autunno c’è l’intenzione di richiedere alla Fis la possibilità di ospitare già nell’estate 2021 una tre giorni di Coppa del Mondo per le discipline veloci. L’idea è quella di prevedere due superG e una supercombinata sulla pista Vezzena, con lo slalom della combinata sulla Malga Rivetta”. Lavarone è dunque pronto per ritagliarsi un nuovo ruolo d’eccellenza nel mondo sportivo internazionale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136